Rischio di povertà per 856mila slovacchi. Dato in flessione nel 2017

Secondo i dati pubblicati nel Rapporto 2017 sulla popolazione slovacca redatto dal ministero del Lavoro, Affari sociali e Famiglia, erano circa 856.000 persone che lo scorso anno vivevano in Slovacchia in condizione di rischio di povertà o esclusione sociale. Si tratta del 16,3% della popolazione totale, una percentuale in flessione rispetto al 18,1% dell’anno precedente. Il tasso di rischio è diminuito su base annua un po’ per tutti e tre gli indicatori presi in esame nel rapporto – povertà di reddito, grave deprivazione materiale ed intensità di lavoro estremamente bassa.

In termini di disparità di genere, uomini e donne sono abbastanza in equilibrio quanto a tasso di povertà, ma il rapporto cambia in modo significativo nelle singole fasce di età. In particolare, la disparità è diminuita a favore delle donne nelle categorie sotto i 18 anni e sopra i 65.

Prendendo in esame le famiglie, ad essere meno a rischio di povertà sono quelle composte da due adulti, di cui almeno uno over 65. Al contrario, le famiglie più a rischio di povertà sono quelle con tre o più figli, genitori single con almeno un figlio e individui sotto i 65 anni che vivono soli. A fare la differenza è spesso il livello id educazione: il rischio di povertà aumenta in proporzione inversa all’istruzione raggiunta.

(Red)

Foto PDP CC0

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.