Il cammino della Bulgaria verso l’Eurozona

Venerdì 29 giugno, il primo ministro bulgaro Boyko Borissov ha dichiarato che presto la Bulgaria presenterà la richiesta ufficiale di ingresso nell’eurozona. La Bulgaria – divenuta membro dell’Unione Europea nel 2007 assieme alla Romania – progetta di avviare a metà luglio l’ERM-II (Exchange Rate Mechanism II), il biennio di preparazione all’adozione della moneta unica.

I criteri dell’eurozona
La Bulgaria, uno dei paesi più poveri dell’UE, è ansiosa di adottare la moneta comunitaria – cui la sua valuta è di fatto ancorata ormai da tempo. Per poter fare parte dell’eurozona, tuttavia, la Bulgaria dovrà dimostrare di avere bassi tassi d’interesse a lungo termine, basso tasso d’inflazione, deficit e debito pubblico. Dovrà inoltre dare prova di possedere un tasso di cambio con l’euro stabile, così come una banca centrale indipendente e ben integrata nell’eurozona.

L’adesione all’unione bancaria
Se i principali criteri paiono ormai raggiunti, Sofia deve però ancora potenziare la governance, rafforzare il tessuto economico e quello bancario. I funzionari dell’eurozona hanno inoltre esercitato non poche pressioni affinché la Bulgaria accettasse di aderire in contemporanea anche all’unione bancaria: benché non si tratti di un criterio necessario per l’ammissione, questa strategia permetterebbe alla Banca Centrale Europea di monitorare l’instabilità bancaria bulgara e il problema dei prestiti in sofferenza.

Quali prospettive per il futuro?
Il paese sta intanto lavorando per migliorare la stabilità finanziaria interna e, nel caso in cui intraprendesse la strada dell’ERM-II, adempirebbe con ogni probabilità a tutti gli obblighi e dovrebbe essere ammessa. Questa prospettiva ha generato alcune tensioni tra i membri dell’eurozona, che accusano l’instabilità e la corruzione diffuse nel paese. La preoccupazione condivisa è che se l’adozione dell’euro da parte di Sofia non venisse preparata al meglio, la Bulgaria potrebbe un giorno diventare un’altra Grecia.

(Giulia Tempo, East Journal cc by nc nd)

Foto Damien Smith cc by sa

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.