Il parlamento respinge proposta per una nuova festività il 28 ottobre

Il Parlamento della Slolvacchia ha respinto ieri la proposta del partito Libertà e Solidarietà (SaS) di designare il 28 ottobre come giorno di festa nazionale. Il 28 ottobre 1918 il Consiglio nazionale cecoslovacco proclamò a Praga l’indipendenza della Repubblica Cecoslovacca. L’atto, avvenuto poco prima della fine della prima guerra mondiale, decretò la creazione di una nuova entità statuale con l’unione di diversi popoli e territori soggetti all’impero asburgico ormai in via di disfacimento. Nel nuovo stato confluirono Boemia, Moravia-Slesia, Slovacchia e Rutenia.

I liberali di SaS hanno fatto diversi tentativi per trasformare il 28 ottobre in festa nazionale, sostenendo che rappresenta tutt’ora uno degli avvenimenti più significativi della storia moderna della Slovacchia. Tra le ragioni addotte dai critici di questa proposta vi è la necessità di limitare il numero di giornate festive, in un calendario, quello slovacco, già piuttosto affollato in confronto alle altre nazioni europee. Per mantenere inalterato il numero di festività, SaS aveva proposto di “declassare” il 1° settembre, Giorno della Costituzione, dandogli lo status di un giorno di commemorazione. Dopo la bocciatura, il 28 ottobre rimarrà, come già è ora, una giornata commemorativa.

Il 28 ottobre per una parte degli slovacchi è una data che viene considerata patrimonio dei cechi. Per la Slovacchia la data cruciale di nascita della prima Repubblica Cecoslovacca è il 30 ottobre 1918, quando avvenne la Dichiarazione di Martin che invocava il principio di autodeterminazione dei popoli, dichiarando l’indipendenza della Slovacchia dal Regno d’Ungheria. Quel documento spianò la strada all’unificazione della Slovacchia con le terre ceche per formare il nuovo stato della Cecoslovacchia.

Proprio di recente, in vista del Centenario della nasciata della Cecoslovacchia che cade in autunno, il consiglio dei ministri ha votato una proposta per rendere il 30 ottobre 2018, in via eccezionale, una festa nazionale. Proposta che dovrà essere approvata dal Parlamento.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.