Indice globale della pace: la guerra fa deboli

Misurare le guerre appare abbastanza facile. Quale che sia la natura di un conflitto armato, alla fine possiamo contare le vittime, i morti e i feriti, oltre alle distruzioni e alle devastazioni che la violenza organizzata determina. Misurare la pace è, invece, più difficile. Ma questo è l’obiettivo, da alcuni anni, dell’Institute of Economics and Peace (Iep) di Sydney che ha da poco diffuso l’indice globale della pace (Global Peace Index, Gpi): una misura di pace ‘negativa’ multidimensionale, che associa a misure di violenza fattuale o potenziale l’assenza di guerre e altri condizioni di uso della violenza. Il Gpi, infatti, riassume ventitré misure di violenza e altre attività distruttive ulteriormente classificabili secondo tre aree: militarizzazione, sicurezza interna e partecipazione a conflitti armati. In virtù della sua composizione, l’Indice ha il pregio di offrire una misura sintetica delle condizioni di non-pace in un dato Paese in un determinato periodo di tempo. Ebbene, il rapporto 2018 mostra che a livello globale la pace è diminuita anche se sarebbe più opportuno dire che tale diminuzione dei livelli di pace non è però generalizzato: a livello mondiale, quasi la metà dei Paesi, infatti, ha visto aumentare i livelli di pace.

Non stupisce, certamente, che il Medio Oriente sia ancora la regione meno pacifica al mondo. Ma anche l’Europa ha visto peggiorare il suo risultato in virtù di indicatori quali il terrorismo e la percezione di criminalità e violenza politica. Se guardiamo alle performance delle singoli nazioni, notiamo che l’Islanda si conferma la più pacifica al mondoL’Italia risulta alla 38ª posizione a livello mondiale. Tra gli altri grandi Paesi europei, la Germania si attesta al 17° posto, la Spagna al 30°, la Polonia al 32°, il Regno Unito al 57°, la Francia al 61°. Tra le grandi potenze mondiali, la Cina si ritrova al 112°, gli Stati Uniti al 121° posto e la Russia al 154°.

In linea generale, il deterioramento della pace nel mondo è una cattiva notizia, pur con i dovuti distinguo. A mitigare tale sensazione c’è, però seconda sezione del rapporto dell’Iep, che presenta una misura di pace ‘positiva’. Come già ricordato, il Gpi è una misura di pace ‘negativa’, ma il rapporto dell’istituto di Sydney presenta anche una sezione dedicata a quei fattori, alle istituzioni e alle strutture di uno Stato che contribuiscono alla convivenza pacifica tra Paesi, ma anche alla capacità di venire incontro ai bisogni dei cittadini in seno alle diverse società. La pace positiva è definita in ultima analisi come ambiente ottimale per lo sviluppo del potenziale degli esseri umani ed è misurata attraverso otto aree. Tra queste si ritrovano, ad esempio, le istituzioni che garantiscono la libertà nell’attività economica, un’equa distribuzione delle risorse e una fruttifera accumulazione di capitale umano. In particolare, secondo gli analisti di Sydney, un aumento negli indicatori della pace positiva preannuncia un incremento futuro del Gpi. In altre parole, l’indice di pace positiva anticipa di alcuni anni i miglioramenti o i peggioramenti della misura di pace ‘negativa’.

[…]
Continua a leggere qui

Foto: profughi di guerra in Etiopia
Giro 555 SHO cc by nd

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.