Bimba di due anni muore per il caldo a Trstena nell’auto parcheggiata

Una bimba di due anni e mezzo lasciata dentro un’automobile è morta ieri per il caldo nella cittadina di Trstena, 7.000 abitanti nella Slovacchia del nord, al confine con la Polonia. Secondo le informazioni fornite dalla polizia regionale di Zilina, la madre trentenne aveva lasciato la figlia in macchina in un parcheggio davanti all’ospedale locale, mentre lei era entrata per un esame. Quando è tornata, ha trovato la piccola Sabina ormai incosciente e nemmeno i sanitari del nosocomio hanno potuto riportarla in vita. La temperatura corporea della bambina, ha scritto la polizia sulla sua pagina ufficiale di Facebook, era di 46 gradi. Un dato poi corretto (!) a 40,6 gradi centigradi.

MIMORIADNA SPRÁVA: 2,5 ROČNÉ DIEŤA BOLO ZAMKNUTÉ V AUTE A ZOMRELOPodľa prvotných informácií nechala v Trstenej matka…

Uverejnil používateľ Polícia Slovenskej republiky 11. jún 2018

La polizia ha iniziato una indagine per abbandono e uccisione di un minore. La madre, Jana, secondo Markiza sarebbe una ginecologa e sarebbe incinta.

Nel luglio 2015, un padre aveva dimenticato nella sua auto a Nitra la figlia di due anni. Kristina morì di surriscaldamento del corpo e collasso del sistema nervoso centrale del cervello. Più volte, anche quest’anno, poliziotti e vigili del fuoco sono stati chiamati da segnalazioni e hanno liberato i bambini dalle auto nelle quali erano stati lasciati chiusi. A febbraio 2018, ad esempio, un padre ha lasciato un bimbo di tre anni in un’auto nel garage sotterraneo di uno dei centri commerciali di Bratislava. Il bambino, legato al suo seggiolino, è stato liberato da agenti di polizia mentre piangeva.

I sanitari del Centro operativo nazionale dei servizi medici di emergenza avvertono che i bambini non possono essere lasciati soli in auto, perché il loro organismo si surriscalda fino a cinque volte più rapidamente di quello di un adulto. Nella stagione calda, e soprattutto drante le ondate di calore, «la temperatura in un’automobile può raggiungere anche i 70 gradi centigradi», e a tali temperature l’organismo di un bambino «può collassare in pochi minuti».

(Red)

Foto Antranias CC0

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.