Kiska a Oslo: Norvegia è fonde di grande ispirazione per le innovazioni

Nella sua prima visita a Oslo, il presidente slovacco Andrej Kiska ha affermato che la Norvegia può essere una fonte di ispirazione per la Slovacchia in molte aree, in particolare nei settori scientifico, e nella ricerca e innovazione. Concludendo la sua visita ufficiale nel Regno di Norvegia, Kiska ha detto di essere convinto che questo viaggio possa aprire molte opportunità di business in Slovacchia.

Nel corso della visita, che si è conclusa mercoledì, il presidente ha incontrato re Harald V di Norvegia e diversi membri della famiglia reale, oltre al primo ministro Erna Solberg e il presidente del Parlamento Tone Wilhelmsen Troen. Tra gli argomenti trattati, l’approfondimento delle relazioni bilaterali e dei finanziamenti del sistema dei fondi norvegesi per lo sviluppo della Slovacchia. A quest’ultimo riguardo, Kiska ha ricordato che la Slovacchia ha diritto di prelevare fino a 113 milioni di euro dai fondi del Meccanismo finanziario norvegese e dello Spazio economico europeo nel periodo 2014-2021. Secondo il premier Solberg, le risorse dovrebbero essere spese in innovazioni, progetti per le smart cities, e cooperazione tra aziende norvegesi e slovacche e modernizzazione delle tecnologie. Un argomento su cui Kiska si è detto d’accordo in pieno, aggiungendo che «dovremmo usare i fondi norvegesi anche per costruire una società civile che dica “no” all’arroganza», mentre alcuni politici credono di essere i padroni dello Stato, e per migliorare la situazione delle comunità rom slovacche.

Il capo dello Stato slovaco ha visitato il Cancer Cluster di Oslo, un rinomato centro globale per la ricerca sul cancro, e ha elogiato i successi ottenuti nel trattamento del cancro, dicendosi felice «che ci abbiano offerto una cooperazione in questo campo». Secondo lui, è stata aperta una porta, e le imprese slovacche, come i ricercatori dell’Accademia slovacca delle Scienze potranno godere di «enormi opportunità» in seguito a questo viaggio.

Kiska era accompagnato, tra gli altri, dal segretario di Stato al ministero dell’Ambiente Norbert Kurilla, con il quale ha visitato il centro di ricerca sui cambiamenti climatici di Bjerkness, nella città di Bergen. Secondo Kurilla la visita può essere di slancio per un rafforzamento della cooperazione bilaterale tra Norvegia e Slovacchia nella ricerca sul clima e nello scambio di informazioni. Kurilla ha detto che la Norvegia, «è uno dei paesi leader nella modellizzazione e ricerca climatica», e ha ricordato che di recente, nel marzo scorso, il governo slovacco ha approvato un piano d’azione per affrontare gli effetti della siccità in Slovacchia nei prossimi tre anni, sforzandosi nel contempo a introdurre misure di prevenzione nei confronti delle inondazioni.

(Red)

 

Foto FB/andrejkiska

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.