Quanti attacchi terroristici ci sono nel mondo?

Tra lunedì e martedì scorso un uomo ha ucciso quattro persone a Liegi, in Belgio. È stato l’attacco terroristico numero 546 dall’inizio dell’anno e ha portato il numero di morti per terrorismo nel mondo nel 2018 a 2.882, secondo i dati raccolti dal sito Storymaps.

Il sito permette di verificare per ogni luogo quanti attentati si siano verificati e di quali gravità, a chi siano stati attribuiti. Dalla sua mappa interattiva emerge che il luogo più colpito è stata la città di Kabul, dove quest’anno sono avvenuti 19 attacchi e ci sono stati 338 morti: più di una persona su dieci è stata uccisa nella capitale dell’Afghanistan. L’anno scorso a Kabul gli attentati erano stati solo 36, ma i morti 665. Il maggior numero di vittime nel 2017 si è verificato invece a Mogadiscio: nella capitale della Somalia le vittime sono state 891, soprattutto a causa del micidiale attentato del 14 ottobre che uccise 587 persone. Lo scorso anno in tutto il mondo sono morte più di ottomila persone (8.354) in 1.347 attentati. Ma il 2016 era stato molto peggio, con 14.801 morti in un numero di attentati non molto superiore (1.487).

Le statistiche sul terrorismo sono però molto incerte e dipendono non solo dalle fonti ma anche dal tipo di eventi che vengono inclusi. Il Washington Post all’inizio dell’anno, sulla base dei dati del Jane’s Terrorism and Insurgency Center, ha calcolato 22.487 attacchi nel 2017 e 18.487 morti. Il numero di vittime nel 2017 sarebbe in calo del 33%: un terzo in meno rispetto ai 27.687 morti del 2016. L’anno peggiore, secondo i dati del Jane’s Terrorism and Insurgency Center, sarebbe stato il 2014 con quasi cinquantamila vittime (48.786).

Il sito Ourworldindata, che utilizza il Global Terrorism Database (GTD) della University of Maryland (aggiornato solo fino al 2016), mostra come dal 2011 al 2014 ci sia stata una impennata degli attacchi e del numero di vittime, passate da 8.000 nel primo di questi quattro anni a oltre 43.500 nel 2014, per poi cominciare a ridursi. Solo in Iraq ci sono stati quattro anni fa oltre 13.000 morti, più di 7.700 in Nigeria, 5.000 in Afghanistan, 3.300 in Siria, 2.400 in Pakistan.

(Paolo Magliocco, La Stampa cc by nc nd)

Foto pixabay CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.