Pellegrini: BMW e ZhiDou hanno messo la Slovacchia in shorlist per un investimento

Dopo un primo annuncio del ministro delle Finanze, anche il primo ministro Peter Pellegrini ha parlato dell’interesse alla Slovacchia di un produttore di automobili per l’apertura di un nuovo stabilimento, dopo i quattro già esistenti (in ordine di arrivo: Volkswagen, PSA, Kia Motors e Jaguar Land Rover). Anzi, due produttori avrebbero messo la Slovacchia in shortlist per la decisione finale, ha dichiarato Pellegrini: il primo è BMW e l’altro la ZhiDou, costruttore cinese di veicoli elettrici, che è controllato da Geely, la più grande casa automobilistica cinese.

Le decisioni finali delle aziende sono previste nel giro di diversi mesi, ha detto Pellegrini giovedì a un appuntamento economico dell’HNClub. Il premier ha detto di non vedere un problema la concentrazione dell’industria slovacca nel settore automobilistico, ma piuttosto di trovare che possa portare vantaggi greazie alla maggiore specializzazione del paese. E poi, le industrie dell’auto stanno sempre più spostando in Slovacchia anche le loro attività di sviluppo del prodotto. Il primo ministro ha enfatizzato la necessità di concentrarsi sulla produzione di qualità, un fattore che ha dato alla Slovacchia di passare in pochi anni da un paese dedicato al montaggio della auto costruite altrove a un posto dove si svolge l’intero processo produttivo, come bene spiega il caso recente della Porsche Cayenne. Questo «ci dà le competenze» produttive ai massimi livelli, dice Pellegrini, e anche se un giorno le aziende del settore dovessero lasciare il paese, il personale formato sarà in grado di lavorare per altre imprese che faranno prodotti, dalle «auto di lusso ai nuovi mezzi di trasporto come, ad esempio, i droni di alta gamma».

(Red)

Foto pixabay-CC0

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.