Governo, il 30 ottobre 2018 sarà festa nazionale per il centenario della dichiarazione di Martin

Il consiglio dei ministri ha approvato una proposta, presentata dal premier Pellegrini (Smer-SD), per trasformare il 30 ottobre di quest’anno in una giornata di festa nazionale in onore dei cento anni dall’adozione della Dichiarazione della nazione slovacca (nota anche come Dichiarazione di Martin), che il 30 ottobre 1918 decretò l’unificazione della Slovacchia e delle terre ceche nella nascente Repubblica Cecoslovacca. La proposta sarà presentata in Parlamento dal ministro della Cultura Lubica Lassakova (Smer-SD).

Il provvedimento è passato nonostante la contrarietà iniziale del Partito nazionale slovacco (SNS), membro cruciale dell’alleanza di governo. Secondo SNS, non hanno torto i datori di lavoro quando dicono che dichiarare un nuova festa nazionale diventerebbe un precedente pericoloso, e non crede ci siano ragioni per introdurre feste straordinarie in futuro. Il nostro paese «ha due giorni festivi che segnano la nostra storia moderna: la Fondazione della Repubblica Slovacca (il 1° gennaio) e il Giorno della Costituzione (1° settembre). Consideriamo queste due feste pubbliche sufficienti. L’anniversario della Dichiarazione di Martin è stato dichiarato ‘giornata commemorativa’, che per noi è decisamente sufficiente», diceva una dichiarazione di SNS di qualche giorno fa. Evidentemente da allora qualcosa si è mosso e i contrasti appianati se mercoledì, dopo l’approvazione del disegno di legge, il ministro dell’Istruzione Martina Lubyiova, nominata da SNS, ha detto che «Il governo ha sempre approvato i documenti in modo consensuale, cioè dopo averli discussi», secondo quanto aveva riportato Tasr.

Il primo ministro Peter Pellegrini si è detto fiducioso che l’iniziativa otterrà il sostegno della maggioranza in Parlamento, citando l’appianamento delle questioni sollevate dagli alleati di SNS. Egli ha anche dichiarato mercoledì che, con tutto il dovuto rispetto per la posizione delle imprese, per lui il centenario della dichiarazione «viene prima degli interessi economici delle imprese slovacche».

La Dichiarazione di Martin del 1918, invocando il principio di autodeterminazione dei popoli, dichiarò l’indipendenza della Slovacchia dal Regno d’Ungheria e spianò la strada all’unificazione della Slovacchia con le terre ceche per formare il nuovo stato della Cecoslovacchia. La dichiarazione arrivò due giorni la dichiarazione della nascita dello Stato Ceco-Slovacco avvenuta a Praga il 28 ottobre da parte del Comitato nazionale cecoslovacco presieduto da Tomáš Masaryk, fino ad allora in esilio.

(La Redazione)

Foto Darwinek cc by sa
ASKE Slovakia

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.