A Stintino una mostra slovacca sul Centenario 1914-18

Quindici pannelli fotografici riassumono la nascita della Cecoslovacchia cento anni fa, e ritraggono i soldati cecoslovacchi al fronte e in Italia durante la Grande guerra. Una mostra itinerante, leggiamo sul sito sardegnadies.it,  dal titolo “Centenario della Prima Guerra Mondiale 1914-1918” che arriva a Stintino, al Museo della Tonnara (Mut) dal 15 maggio al 6 giugno. La rassegna è realizzata dall’Istituto di storia dell’Accademia slovacca delle Scienze (SAV) in collaborazione con l’Archivio del Club di storia militare “Beskydy” e ottenuto il patronato del ministero degli Affari Esteri della Repubblica Slovacca.

La mostra illustra il “punto di vista slovacco” della guerra, dalle cause allo sviluppo fino alla sua conclusione. Tragedia e rinascita per il popolo slovacco, che vide finalmente terminare la sua condizione di minoranza etnica agli ungheresi all’interno dell’impero degli Asburgo e la nascita di uno stato indipendente e democratico.

Torre della Pelosa, Stintino (Foto Antofa, cc by sa)

La mostra rientra nell’ambito di un programma più ampio sul ruolo dell’Isola dell’Asinara nel conflitto di cui si celebra il centenaio. All’iniziativa, avviata nel 2013 da diverse istituzioni sarde a partire dal comune di Stintino, partecipa anche la Slovacchia attraverso l’Ambasciata in Italia. Tra il 1914 e il 1918 furono infatti numerosi i soldati slovacchi presenti sull’Isola dell’Asinara, assieme ai circa 22.000 soldati dell’esercito austro-ungarico deportati come prigionieri.

Il 6 giugno, alla cerimonia di chiusura, parteciperà anche l’ambasciatore Jàn Soth che visiterà l’Asinara e in particolare Fornelli, Tumbarino, Stretti e Campu Perdu, aree che ospitarono negli anni della Grande Guerra oltre 20 mila profughi e deportati. Uomini, donne e bambini di quindici nazionalità diverse, che dovettero affrontare lunghi e disumani viaggi per arrivare all’Asinara dove poi furono costretti a vivere in enormi accampamenti, spesso al limite della vivibilità. Circa 16.730 prigionieri, tra serbi-croati (oltre 7mila), seguiti dai boemi, ungheresi, austriaci, rumeni, polacchi, slovacchi, italiani, russi, bulgari, sloveni, tedeschi, turchi e greci.

..
Dove: Museo della Tonnara, Via Lepanto 36, Stintino (SS)
Quando: dal 15 maggio al 6 giugno 2018
Orario: venerdì 15:30-19:00, sabato e domenica 11:00-13:00 e 15:30-19:00
Negli altri giorni è possibile visitarla la mattina su prenotazione (345 9718686).
Info: MUT,

 

Foto sotto: il giuramento dei legionari in Italia, 24/5/1918

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.