Bratislava “non ha concesso licenze per vendere armi a paesi sotto embargo”

Il ministero dell’Economia slovacco è intervenuto ieri, dopo l’uscita di notizie su una potenziale violazione dell’embargo verso l’Azerbaigian da parte di aziende slovacche di armamenti, per dire che la Slovacchia si attiene con diligenza agli impegni derivanti dal diritto internazionale, e non ha concesso alcun permesso di esportazione di armi verso paesi sottoposti a embargo. L’azione del ministero nel rilasciare licenze di esportazione «è strettamente guidato dalla legislazione e dalle regole in vigore», affermato una dichiarazione del dicastero.

Il ministero dell’Economia ha permesso l’esportazione di armi verso Israele, a condizione che non vengano riesportate, rivendute o utilizzate senza il consenso del governo israeliano. Il destinatario finale della vendita di armi in questione è il ministero della Difesa israeliano, cosa anche confermato da una impegno scritto del governo di Tel Aviv.

Come avevamo riportato ieri, l’emittente pubblica ceca Ceska Televizia ha pubblicato un servizio in cui si illustrava come lanciarazzi e obici ricondizionati in Repubblica Ceca e Slovacchia sono stati spediti dall’aeroporto di Bratislava in Azerbaigian, dopo essersi fermati per poche ore in Israele. L’Azerbaigian è sottoposto a un embargo internazionale a causa del conflitto di lungo corso con la vicina Armenia.

Dalla Slovacchia armamenti all’Azerbaigian sotto embargo

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

(Red)

Foto mil.sk

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.