Uno slovacco a Londra apre la prima palestra 100% ecologica

Si chiama Michal Homola, è slovacco e vive a Londra. Ha inventato la palestra non solo ecologica, ma che addirittura produce energia elettrica. Partendo da ambienti e arredamenti realizzati in materiali rinnovabili o recuperati si sarebbe trattato di un progetto interessante, ma niente di così sconvolgente, nemmeno sapendo che una parte delle attrezzature è anch’essa riciclata, come i materassini per lo yoga, e il principio vale anche per la stessa location. Il centro fitness Terra Hale è stato ricavato infatti da un vecchio passaggio ferroviario, non più utilizzato da tempo, sulle cui pareti sono stati appesi – per rimanere in tema – orologi della Belle Epoque provenienti da stazioni ferroviarie slovacche.

Ma Homola è andato oltre, e l’idea rivoluzionaria è che la palestra – la terza della serie che aprirà tra pochi giorni nella capitale britannica, e la più raffinata nella ricerca di un approccio ambientale e sostenibile – ricicla perfino l’energia bruciata dai suoi utenti. I macchinari usati sono in grado di produrre energia elettrica grazie al loro utilizzo, e i watt prodotti servono in primis ad alimentare le necessità energetiche del centro, e l’eccedenza viene messa in rete. In più, le numerose piante verdi presenti provvedono a ripulire l’aria mangiando l’anidride carbonica che si produce dallo sforzo fisico. Si possono trovare più dettagli in italiano qui.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.