Lo Spartan italiano già impiegato in missioni all’estero, presto in arrivo il secondo

L’aereo da trasporto tattico italiano C-27J Spartan, consegnato alle Forze armate slovacche alla fine di ottobre, viene già utilizzato nei compiti per i quali è stato acquisito. In particolare, in questi giorni ha trasportato materiali e attrezzature al contingente slovacco che opera nella missione di pace UNFICYP a Cipro, permettendo ai militari di gestire in proprio dopo quasi due anni questo tipo di operazioni che dal pensionamento dei vecchi Antonov sovietici nel 2016 non era più possibile eseguire.

Il ministro della Difesa Peter Gajdos (SNS) ha espresso la sua soddisfazione per l’entrata in servizio attivo del velivolo, dopo il completamento dell’addestramento dei piloti e diverse settimane di voli di tirocinio per il personale. L’aereo è quindo pienamente pronto a «svolgere i suoi compiti nella gestione delle crisi interna e internazionali» e a garantire «la capacità di trasporto aereo che è di importanza strategica per ogni forza armata», ha detto il ministro.

L’acquisto di due aerei bimotore a turboelica C-27J Spartan è conseguente alla gara pubblica vinta dall’allora Alenia (oggi Leonardo) nel 2008. Per carenza di risorse l’acquisto fu rimandato più volte, fino alla firma nel 2014, quando ministro della Difesa era Martin Glvac (Smer-SD). Il contratto portava la somma complessiva di 69 milioni di euro, una cifra in cui è inclusa la formazione e il supporto logistico per i militari slovacchi per un periodo di cinque anni.

La consegna del primo dei due aeroplani è arrivata – appunto nell’autunno scorso – con un ritardo di quasi un anno, fattore che è conseguito in uno sconto di 879 mila euro sul prezzo pattuito, oltre che ovviamente in una dilazione delle rate già concordate. Il secondo Spartan dovrebbe essere consegnato alla Slovacchia nelle prossime settimane.  I C-27J Spartan acquisiti dalla Slovacchia, un aereo agile e flessibile che ha avuto un buon successo a livello internazionale, hanno un ruolo multifunzione, e potranno essere usati sia dalle Forze armate per il trasporto truppe che per il trasporto di feriti o lo spegnimento di incendi, e anche per il lancio di carichi dal cielo.

(La Redazione)

 

Foto Tomasz Dunn cc by

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.