Sagan si prende la classica Gand-Wevelgem

Dopo aver aperto la stagione con un successo, e due mesi a secco (tra cui la delusione alla Milano-Sanremo, una gara che continua a sfuggirgli da anni), Peter Sagan ha messo a segno la prima classica dell’anno. L’80esima edizione della corsa belga, dopo 250 chilometri di fatica, si è risolta in volata, l’ormai nota cifra stilistica del folletto slovacco. Il campione del mondo della Bora-Hansgrohe ha così fatto tripletta, dopo le vittorie del 2013 e 2016, e a farne le spese questa volta è stato l’olimpionico su pista azzurro Elia Viviani della Quick-Step Floors, che è scoppiato in lacrime per la rabbia dopo una gara tutta nelle file di testa. Come solito, Sagan non ha sprecato energie, lasciando lavorare e attaccare gli altri per poi spuntare all’ultimo, al momento dello sprint finale.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Tra pochi giorni la stagione si scalderà con la settimana delle tre “classiche monumento” franco-belghe, dove Sagan è atteso a delle conferme. Si inizia la domenica di Pasqua, sempre in Belgio, con il 102° Giro delle Fiandre, la classica dei muri.

(Red)

 

Foto flowiuzm cc-by

 

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.