La Procura generale invia all’Italia intesa per un team di indagine congiunto

Il procuratore generale della Repubblica Slovacca Jaromir Ciznar ha detto ieri di avere inviato alle autorità giudiziarie italiane una bozza di accordo per l’istituzione di una squadra investigativa comune riguardo al duplice omicidio del giornalista investigativo Jan Kuciak e della sua compagna Martina Kusnirova. Il documento è stato spedito venerdì attraverso Eurojust, dopo una intensa comunicazione con i partner italiani.

La questione era stata discussa da Ciznar lo scorso lunedì con la ministra della giustizia Lucia Zitnanska (Most-Hid). La portavoce della Procura generale ha spiegato che la realizzazione di una squadra investigativa comune e la firma di un accordo sono faccende che in genere richiedono molto tempo, si parla solitamente di settimane o anche mesi. Ma il procuratore generale Ciznar ha cercato di velocizzare i tempi, con la collaborazione di Eurojust, l’agenzia europea per la cooperazione giudiziaria tra Stati.

Ora il documento è in mani italiane, e se viene approvato si partirà con le discussioni tecniche e i dettagli sulla squadra investigativa comune, con i diritti e doveri di ogni membro della squadra, la durata dell’operazione e la partecipazione di istituzioni internazionali quali Eurojust ed Europol.

Oltre all’opposizione e ai partecipanti delle grandi manifestazioni di queste settimane, diversi organismi europei, a partire dall’Europarlamento una cui delegazione ha visitato la Slovacchia una dozzina di giorni fa, hanno chiesto alla Slovacchia di fare presto e bene una indagine completa ed esaustiva sul doppio omicidio di Kuciak e Kusnirova, non tralasciando nulla e soprattutto facendosi aiutare da Eurojust nel mettere insieme un pool internazionale di investigatori in modo da rendere i lavori trasparenti e credibili. Il coinvolgimento dell’Italia è subito stato messo in evidenza quando i sospetti sui mandanti del o dei killer hanno portato a due famiglie di calabresi con presunte connessioni con cosche della ndrangheta. Era di loro che parlava l’ultimo articolo incompleto di Kuciak. La mancanza di elementi schiaccianti ha poi convinto il giudice al rilascio degli italiani, e da quel momento le indagini sugli omicidi sono entrate in una fase di segretezza che non ha lasciato più filtrare notizie sulle direzioni dell’inchiesta.

(Red)


Foto: frame video youtube
Foto Dezidor cc by sa

 

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.