Ancora proteste venerdì scorso, contro il governo, per il voto anticipato

Ancora una volta, venerdì 16 marzo si sono riversate su strade e piazze della Slovacchia decine di migliaia di persone per manifestare “Per una Slovacchia dignitosa”, continuando a chiedere un’inchiesta imparziale, completa e indipendente sull’assassinio del giornalista Jan Kuciak e della sua compagna. La folla, che ha Bratislava si stima sia arrivata a contare 65.000 partecipanti, ancora più della settimana precedente, vuole elezioni anticipate, definendo «aggiustamenti cosmetici» il nuovo governo previsto dopo la decisione di Fico di dimettersi.

Il culmine dell’evento è stato di nuovo l’inno nazionale, cantato dal palco e accompagnato da tutti i presenti. Nessun incidente ha disturbato le manifestazioni, che sono state completamente pacifiche, come già lo erano state le due precedenti. Sul palco si sono succeduti diversi musicisti e attori noti, e l’ex deputato e dissidente Frantisek Miklosko ha affermato che «la rivoluzione lanciata dai genitori deve essere completata dai loro figli», riferendosi al 1989, una rivoluzione giudicata evidentemente incompiuta.

Gli organizzatori hanno invitato gli slovacchi a dimostrare per il loro diritto a vivere in un paese in cui la corruzione non è uno standard e dove i circoli governativi non sono legati alla criminalità organizzata. Quanto successo giovedì 15 marzo (le dimissioni di Fico e il nuovo incarico di premier a Pellegrini) è stato per loro «solo uno scambio di pezzi degli scacchi», ma in realtà Fico stesso «ha detto che non va da nessuna parte». Con il raduno di oggi «chiediamo la formazione di un nuovo governo affidabile, ma solo dopo l’indizione di elezioni, da svolgersi rapidamente» ha detto Peter Nagy, uno degli organizzatori.

Proteste e manifestazioni sono state organizzate in decine di città della Slovacchia e in molti altri luoghi in tutto il mondo, grazie all’attività degli slovacchi residenti all’estero. I raduni più grandi a Praga, Varsavia, Dublino, Parigi e Sydney.

(La Redazione)

Foto Matúš Benian cc by nc

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.