Commissione UE: nessun progresso visibile sulla corruzione in Slovacchia

rapporto della Commissione europea non indica per la Slovacchia nessun progresso visibile nella lotta alla corruzione rispetto all’anno precedente. Non c’è al momento nessun cambiamento, dice Bruxelles, nella percezione della corruzione tra la gente, e la capacità reale dell’Ufficio del Procuratore Speciale di trattare i casi di corruzione è invece diminuita. E questo succede anche se è calato nel frattempo il numero di procedimenti penali trattati. Vedremo, ha commentato il capo della rappresentanza in Slovacchia della Commissione europea, Ladislav Miko, «se le misure adottate dal governo avranno effetto sulla valutazione del prossimo anno».

Il rapporto indica preoccupazione per il livello di dipendenza del capo della polizia e del capo delle ispezioni di polizia dal ministro degli Interni, e suggerisce di migliorare la protezione dei whistlebower che segnalano i casi di corruzione. Dà tuttavia un giudizio positivo sul coinvolgimento delle Ong nel monitoraggio della corruzione in Slovacchia.

Anche il sondaggio Eurobarometro dimostra che la percezione della corruzione in alcune aree della Slovacchia è eccezionalmente elevata, in particolare nel settore sanitario, nella polizia, nei tribunali, nei pubblici ministeri e nel settore dell’istruzione. La percezione della corruzione in politica, invece è alta in Slovacchia ma anche in tutti i paesi dell’UE.

(Red)

Foto kmillard92 cc by sa

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.