Ersek: affidare a privati l’aeroporto di Zilina per il suo sviluppo

Secondo il ministero dei Trasporti, l’aeroporto di Zilina dovrebbe essere affidato a un investitore privato per il suo rilancio. L’idea è di cercare, da subito, un investitore che gestisca l’aeroporto per 15 anni. Nel lungo termine, l’obiettivo degli uomini del ministro Ersek (Most-Hid) è quello di garantire la capacità operativa dell’aeroporto e il suo sviluppo futuro, con modalità che «solo un partner privato può essere in grado di fare investendo capitali senza i limiti degli aiuti di Stato». Così si è espresso il portavoce del ministero. L’aeroporto, a dieci chilometri dal capoluogo regionale, è in una cattiva situazione finanziaria, e oggi il sostentamento è tutto sulle spalle dei sussidi statali, che tuttavia sono limitati.

Il ministro Ersek ha annunciato recentemente l’intenzione di affittare anche l’aeroporto M.R Stefanik di Bratislava per un periodo di 30 anni, un progetto che esiste da diversi anni ma che ancora non si è concretizzato, dopo che il primo governo Fico nel 2006 cancellò la privatizzazione organizzata dal precedente governo di centro-destra che aveva visto come vincitore della gara il gruppo di investimento Penta insieme all’aeroporto di Vienna. Un investitore privato, scriveva Pravda qualche giorno fa, potrebbe anche avere in gestione l’aeroporto di Piestany, il cui attuale proprietario di maggioranza è la regione di Trnava. Quanto agli altri scali di un certo interesse, l’aeroporto di Kosice è in mani private (l’aeroporto di Vienna) da più di dieci anni e quello di Poprad probabilmente rimarrà l’unico scalo gestito dallo Stato.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.