Contrordine: il mais Ogm non fa male

La coltivazione di mais transgenico presenta produzioni superiori, contribuisce a ridurre la presenza di insetti dannosi e contiene percentuali inferiori di sostanze tossiche che contaminano gli alimenti e i mangimi animali. La conferma arriva da una revisione condotta da ricercatori italiani della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Università di Pisa, che sulla rivista «Scientific Reports» hanno messo assieme in un’unica indagine i dati raccolti in due decenni (in Europa, Sud America, Asia, Africa e Australia) sugli effetti della coltivazione di mais transgenico. Il lavoro ha preso in esame oltre ventun anni di coltivazione a livello mondiale. Tanti ne sono passati infatti dal 1996 (anno di inizio della coltivazione del mais transgenico) al 2016 (anno in cui s’è concluso il lavoro).

Il mais Ogm non ha rischi per la salute
Dati alla mano, la metanalisi, ovvero una revisione di diversi studi pubblicati sul tema, è la più solida nelle sue conclusioni: il mais ogm non comporta rischi per la salute umana, animale e ambientale. Il cereale geneticamente modificato emerge come più produttivo, privo di conseguenze sugli organismi non colpiti della modificazione genetica e con concentrazioni minori di micotossine (-28,8 per cento) e fumonisine (-30,6 per cento) nella granella: sostanze contaminanti contenute negli alimenti e nei mangimi e responsabili di fenomeni di tossicità acuta e cronica. «La diminuzione di tali sostanze nella granella del mais geneticamente modificato può avere effetti molto significativi per la salute umana», è in sintesi il pensiero degli autori del documento: Stefano Bedini (Università di Pisa), Elisa Pellegrino, Marco Nuti e Laura Ercoli (Scuola Superiore Sant’Anna). «La nostra analisi fornisce una sintesi efficace su un problema specifico molto discusso pubblicamente e permette di aumentare la fiducia del pubblico nei confronti del cibo prodotto con piante geneticamente modificate».

(Fabio Di Todaro, la stampa cc-by-nc-nd)

Foto David Spender cc by

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.