Patto d’acciaio tra Kurz e Orban: tolleranza zero sui migranti

Come dimostra il recente incontro svoltosi a Vienna tra il premier austriaco Sebastian Kurz e il premier ungherese Viktor Orbán, c’è identità di vedute tra Austria e Ungheria sulla politica da adottare contro l’immigrazione illegale. Le parti sono per una linea dura basata sullo scrupoloso controllo dei confini e sulla tolleranza zero nei confronti di chi cerchi di superare “furtivamente” le frontiere di Schengen. Del resto il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó sintetizza chiaramente la posizione del governo di cui fa parte: “Non accettiamo e non accetteremo mai l’immigrazione clandestina”; fenomeno che, a detta di Orbán, l’ Ungheria ha saputo fronteggiare con successo grazie ai provvedimenti presi dai suoi governanti per gestire l’emergenza. Kurz è sulla stessa lunghezza d’onda e, in occasione dell’incontro con il suo omologo magiaro, ha fatto riferimento all’aiuto che la polizia austriaca dà a quella ungherese per sorvegliare i confini orientali.

La chiusura della rotta balcanica e la convergenza del Gruppo di Visegrad
Orbán sottolinea l’importante ruolo svolto dai due Paesi nella chiusura della rotta balcanica, ossia di un circuito che, fa notare il premier ungherese, aveva messo in crisi il Vecchio Continente. Per Orbán, del resto, è necessario bloccare i flussi migratori di popoli che, con la loro entità numerica e diversità, quanto a composizione culturale, minacciano la sopravvivenza dell’Europa cristiana.

Su questo i due leader sono d’accordo; condividono tale preoccupazione e il bisogno di tutelare un’identità europea sulla quale, peraltro, c’è ancora molto da discutere. La posizione del primo ministro di Budapest, in ambito migranti, coincide con quella degli altri membri del Gruppo di Visegrád (V4) che all’unisono respingono il sistema dei ricollocamenti voluto dall’Ue. Su questo il V4 beneficia della solidarietà di Kurz che guarda con benevolenza al Gruppo e immagina per l’Austria un ruolo di ponte fra esso e l’Occidente per smorzare l’ormai nota tensione esistente fra le parti.

Divergenze sul nucleare e sull’opzione russa ungherese
La convergenza mitteleuropea sui temi di interesse comune ai due Paesi, però, è piena solo quando si parla di flussi migratori verso l’Europa. Vienna, ad esempio, non condivide la svolta nucleare del governo Orbán, consistente nell’ampliamento della centrale di Paks, situata a un centinaio di chilometri dalla capitale. Si tratta di un accordo raggiunto all’inizio del 2014 tra Budapest e Mosca per la costruzione, da parte russa, di due nuovi reattori destinati ad aggiungersi ai quattro già esistenti nell’impianto costruito negli Anni Settanta con tecnologia sovietica. Il tutto con un credito da parte russa pari a 10 miliardi di euro, per un valore pari all’80% del progetto. […continua…]

Continua su Affarinternazionali

Foto Bőr Benedek cc by
Il muro al confine sud dell’Ungheria

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.