Samsung conferma chiusura fabbrica slovacca di Voderady

Come ventilato recentemente dai media, la Samsung ha confermato la chiusura nei prossimi mesi, probabilmente in aprile, dello stabilimento di Voderady, nella regione di Trnava, dove impiega 500 dipendenti interni e altri 1.000 esternalizzati. Il quotidiano Sme ha scritto della decisione definita della dirigenza del gruppo coreano, a 10 anni esatti dall’apertura dell’impianto nel 2008. Secondo i piani, la produzione dovrebbe essere spostata nell’altro stabilimento di Galanta, anch’esso nella regione di Trnava, dove lavorano quasi 1.500 persone come dipendenti diretti, e altre 1.000 in fornitori esterni. L’azienda ha detto che la ragione per questo passo è l’obiettivo di gestire il processo di produzione in Slovacchia più efficientemente. Samsung comunica di avere offerto ai dipendenti della sede di Voderady di andare a lavorare a Galanta, alle stesse condizioni godute finora.

Il quotidiano Dennik N ha osservato che se da un lato l’azienda ha problemi a trovare personale da assegnare alla produzione, è anche vero che tra le cause vi sono i bassi salari offerti. D’altro canto, la fabbrica di Voderady è nata per produrre schermi Lcd, una tecnologia ormai vecchia e non più utile alla sostenibilità produttiva. Qualcuno osserva che si è concluso recentemente il termine di rendicontazione dei 28 milioni di sussidi approvati nel 2011 dal governo per trattenere la produzione in Slovacchia. E la chiusura di Voderady sarebbe un segnale inviato all’esecutivo per ricevere altri contributi.

Il ministro del Lavoro Jan Richter ha fatto sentire la sua voce sul caso, affermando che auspica che l’azienda non discrimini gli occupati slovacchi per preferire gli stranieri, disposti a lavorare per stipendi più bassi.

(Red)

Foto g0d4ather cc by sa

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.