Caorso, partono a maggio le prime scorie per la Slovacchia

A oltre due anni dalla gara vinta dalla slovacca Javys per lo smaltimento delle scorie nucleari dell’ex centrale di Caorso, in provincia di Piacenza, è stata finalmente decisa la data del primo trasporto dall’Emilia al centro di trattamento nei pressi della centrale nucleare di Jaslovske Bohunice, anch’essa in via di smantellamento. Ne hanno dato notizia venerdì i media locali, che riportano la decisione delle autorità provinciali piacentine in concerto con quelle regionali e con gli enti responsabili per la sicurezza e l’ambiente. In Slovacchia il sito di trattamento starebbe preparandosi a ricevere il materiale, ed entro marzo dovrebbe installare un sistema di tritatura ed essicazione delle scorie, uno dei passaggi obbligati per il trattamento finale dei rifiuti di Caorso.

Nel mese di maggio partiranno i primi otto container con fusti di materiale radioattivo. Il viaggio, via rotaia, sarà un test generale per poi proseguire con l’invio di tutti i 5.500 fusti da trattare. Una volta lavorati dagli slovacchi, i materiali contaminati rientreranno in Italia come rifiuti a bassa e media radioattività, da stoccare nel futuro deposito unico nazionale. Un deposito che ancora non c’è ma per il quale il ministro dello Sviluppo economico Antonio Calenda si è impegnato a pubblicare a breve la mappa dei siti idonei ad ospitarlo, dove andranno tutti i rifiuti nucleari anche delle altre centrali italiane dismesse.

(La Redazione)

Foto Simone Ramella cc by

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.