Le aziende del web criticano le nuove tasse sulle imprese digitali

L’Associazione internazionale delle imprese del settore computer e comunicazioni (CCIA) e la belga Allied for Startup hanno protestato con il governo slovacco per la recente revisione della legge sull’imposta sul reddito approvata dal Parlamento, che ha reso tassabili in Slovacchia dal nuovo anno gli utili delle attività nel paese delle società sovranazionali della sharing economy e le piattaforme digitali che non hanno una residenza fiscale in Slovacchia. Come ricorda Hospodarske Noviny, la novità riguarda in particolare le società che svolgono attività di mediazione nel settore dei trasporti e dei servizi di alloggio, come Booking.com, Airbnb e Uber.

Secondo le due associazioni, che hanno inviato una lettera all’ambasciatore slovacco a Bruxelles Petr Javorcič, la nuova tassa costituisce un ostacolo significativo per le start-up europee e viola il principio della territorialità, quello della libertà di fornitura di servizi e la libertà di impresa.

Il ministero delle Finanze ha risposto che la revisione legislativa protegge gli interessi della Slovacchia ed è in linea con la legislazione dell’UE.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.