Shoppers in plastica, i commercianti di ZOCR aderiscono a iniziativa ministero

I commercianti dell’Associazione del Commercio e del Turismo (ZOCR) hanno espresso il desiderio di dare una mano al governo a ridurre la quantità di shoppers leggeri in plastica nei punti vendita e hanno deciso di aderire all’iniziativa del ministero dell’Ambiente denominata “Slovacchia senza sacchetti di plastica” che prevede di sostituire alle sportine leggere usa e getta delle borse o sacche di altri materiali (carta, plastica, tessuto, materiali naturali e riciclabili) da utilizzare decine, centinaia o anche migliaia di volte. Come ha detto il presidente di ZOCR Pavol Konstiak, gli operatori sono consapevoli del fatto che un grandissima quantità di sacchetti di plastica viene immessa in circolazione proprio attraverso gli esercizi commerciali.

Konstiak ha detto che l’azione dei rivenditori associati sarà rivolta anche a offrire delle alternative all’uso di piccoli sacchetti di plastica per insaccare merci come verdure, frutta, prodotti da forno, invitando anche i fornitori dei prodotti non alimentari a utilizzare metodi alternativi di imballaggio.

Il ministero dell’Ambiente sta portando avanti questa battaglia a livello legislativo dopo che Bruxelles ha imposto con una direttiva alla Slovacchia di fare qualcosa a breve. Ogni slovacco consuma circa 466 borsine leggere di plastica all’anno, mentre gli europei in media si limitano a 175 (in Danimarca, campione europeo, il consumo annuo è di quattro sacchetti/anno). Non potendo tagliare drasticamente tale numero in breve tempo, il governo slovacco ha scelto di imporre la distribuzione dei sacchetti a pagamento, impedendo ai negozi di dare lo shopper gratis ai clienti entro la fine del 2018. L’emendamento è arrivato in seconda lettura in Parlamento e si attende la data per la discussione e il voto finale.

(La Redazione)


Foto pixabay/CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.