Oltre 8.500 alberi abbattuti dal vento nel Parco Nazionale dei Tatra

Lo scorso fine settimana una bufera di vento si è abbattuta sulle montagne degli Alti Tatra, con forti raffiche che hanno spezzato o abbattuto completamente oltre 8.500 alberi nel Parco Nazionale dei Tatra. La gran parte dei danni sono stati registrati in particolare nelle aree protette di Podspády e Tatranská Javorina. Il vento ha anche danneggiato recinzioni, segnali turistici e altre strutture del parco, e lunedì tutto il personale del parco ha setacciato i sentieri forestali per liberarli dagli alberi caduti.

Qualcosa di simile era avvenuto anche lo scorso 24 febbraio nello stesso parco nazionale e in quello dei Monti Pieniny, che si trova più ad Est, quando furono colpiti quasi 2.000 alberi e sono stati danneggiati anche edifici e strutture.

Questo video è stato girato sul versante polacco dei Tatra

Il 24 febbraio l’Istituto Idrometeorologico Slovacco (SHMU) ha registrato alla stazione sulla vetta del Lomnicky Stit, a 1783 metri sul livello del mare, una raffica di vento alla velocità di 222 chilometri all’ora (61,6 metri al secondo). Si tratta del record da quando esiste l’osservatorio meteorologico, costruito nel 1951.


Foto forestportal.sk: dopo la tempesta del 19.11.2004

Nel novembre del 2004 una bufera travolse gli Alti Tatra con una forza tale da devastare completamente più di 12 mila ettari di foresta. Allora rimasero anche uccise due persone. Nel maggio 2014 un’altra tempesta colpì i Tatra e le sub-regioni di Orava e Horehronie, lasciando a terra forse 100 mila alberi.

(Red)


Foto faxepl cc-by-sa
Foto forestportal.sk

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.