Partiti a Puchov i lavori per rifacimento di un tratto ferroviario da completare entro il 2020

Nel tratto della rete ferroviaria slovacca di circa 16 km tra Puchov e Povazska Tepla, nella regione di Trencin, è in corso, dopo l’inizio dei lavori a fine 2016, un completo rifacimento che consentirà ai convogli entro il 2020 una velocità fino a 160 km all’ora. Il direttore generale della società proprietaria dell’infrastruttura ferroviaria ZSR ha mostrato lo stato dei lavori al primo ministro Robert Fico il 13 febbraio spiegando che il progetto è attualmente il più grande in Slovacchia in campo ferroviario.

Nella sezione di binari interessata ci sono due gallerie e 14 ponti, oltre a sei ponti stradali e cavalcavia, e quattro sottopassaggi. Tra le parti più complicate, il tunnel Diel di 1.081 metri di lunghezza, alla cui uscita i treni prenderanno direttamente un viadotto di 600 metri sopra la diga di Nosice, un progetto unico in Slovacchia per lunghezza e complessità, per poi riprendere il percorso originale e virare nel tunnel Milochov di 1.861 metri di lunghezza.

L’appalto dei lavori è stato affidato al Consorzio Nimnica guidato da Doprastav per un costo complessivo di 364,9 milioni di euro, finanziati dal Programma operativo infrastrutture integrate 2014-2020.

Il premier ha detto che i lavori di ristrutturazione daranno un notevole apporto alla crescita economica e all’occupazione nella regione, con oltre 1.000 persone occupate nel sito nel periodo di maggior intensità delle operazioni. Inoltre, ha detto, la nuova struttura sarà un altro grande contributo alla modernizzazione dei collegamenti ferroviari in Slovacchia.

(Red)


Foto trainspotterlgs cc-by-nd

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.