Prezzi energetici in Slovacchia tra i più alti dell’UE

Anche dopo il ritorno ai livelli del 2016, i prezzi dell’energia elettrica in Slovacchia sono sempre tra i più alti dell’Unione europea. A causa di un mal regolato sostegno alle fonti energetiche rinnovabili, se il prezzo netto dell’elettricità è sceso dall’inizio della crisi economica, le tariffe per il funzionamento del sistema sono aumentate dai 6 euro e 30 centesimi al netto dell’Iva nel 2010 agli attuali 26 euro e 20 centesimi. A dirlo a Tablet.tv è Rastislav Hanulak dello studio legale Capitol Legal Group.

Il sistema di sostegno alle fonti energetiche rinnovabili obbliga le società di distribuzione ad acquistare questo tipo di energia più cara, e lo stesso vale per la produzione di energia elettrica dalle centrali a lignite (carbone) che sono garantite fino al 2030. Tali costi vengono poi interamente trasferiti in bolletta come tariffe per il funzionamento del sistema di distribuzione, ha detto Hanulak.

La Slovacchia oggi produce energia elettrica e calore per circa il 10-11% da fonti rinnovabili, ma si è impegnata ad accrescere questa quota fino al 14% entro il 2020, e lo Stato si è impegnato a sostenere le fonti di energia rinnovabili pagando prezzi di acquisto più elevati per 15 anni. Sarebbe il caso di «chiedersi se questi prezzi sono stati fissati in modo equo», dice Hanulak, ma la maggior parte dei parametri economici di questo settore sono considerati segreti commerciali, osserva.

(Red)


Foto black_wall cc-by-nc

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.