Il gruppo Penta ha pagato 442 milioni per la liquidazione di Martin Kusik

Il gruppo di investimento Penta ha pagato all’ex socio Martin Kusik, secondo le stime di Forbes.sk, 442 milioni di euro per la sua uscita dall’azienda nel 2013. Inizialmente si erano fatte stime di circa di 400 millioni, e Hospodarske Noviny aveva scritto di 390 milioni nell’ottobre 2013. La società non ha mai rivelato la cifra su cui si era trovato l’accordo con il socio, e anche ora ha rifiutato di commentare, dicendo solo che ha già concluso i propri rapporti con Kusik. Penta da sempre non distribuisce dividendi, e la gran parte dei profitti vengono reinvestiti, dunque la quota di liquidazione riflette anche la sua parte di utili mai incassata.

Martin Kusik, che è tra gli slovacchi più ricchi, negli anni ’90 è stato, con una quota di circa il 20%, tra i fondatori del gruppo finanziario, nel quale si occupava tra le altre cose dell’espansione in nuovi mercati e degli investimenti in Repubblica Ceca. Dopo aver lasciato Penta ha creato il fondo di investimento Odissey 44, e il suo primo investimento è stato la catena di articoli sportivi Sportisimo.

Il gruppo Penta è attivo con investimenti miliardari in diversi settori, dalla sanità all’immobiliare, dall’industria manifatturiera alle catene commerciali, dai media alle banche e servizi finanziari in Slovacchia, Repubblica Ceca, Polonia, oltre a Ungheria e Germania.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.