Un busto di Alexander Dubcek nella sede del Parlamento europeo a Strasburgo

dubcek-fico-schulz_europarl-europa-eu

«Alexander Dubček credeva in una società migliore e più giusta», obiettivi cui lui ha dedicato tutta la sua carriera politica, e le sue idee di giustizia sociale e democrazia hanno superato i confini nazionali, ha detto ieri il primo ministro slovacco Robert Fico durante la scopertura di un un busto di Dubček al Parlamento europeo a Strasburgo.

L’ex primo segretario del comitato centrale del Partito Comunista della Cecoslovacchia (UV KSC) è stato nel 1968 simbolo del cambiamento in Cecoslovacchia verso una società moderna, ha ricordato Fico, e «con la sua vita egli ha messo in pratica il suo messaggio», «diventando fonte di ispirazione per le persone». «L’installazione permanente del suo busto presso il Parlamento Europeo è un apprezzamento del suo concetto di una casa comune europea».

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Presente alla cerimonia, insieme ai due figli superstiti dello statista, Milan e Pavol, anche il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, che ha definito Alexander Dubček un’icona della propria giovinezza e per celebrare la figura del cecoslovacco ha richiamato una citazione dell’ex cancelliere tedesco Willy Brandt: «Una volta che il virus della democrazia si diffonde, non può più essere fermato. Quando la gente assaggia un assaggio di democrazia non la dimenticherà più e presto comincerà a pretenderla».

dubcek-pavol-milan_fico_vlada-gov-sk

Dubček fu eletto nel gennaio del 1968 primo segretario del comitato centrale del partito, posizione dalla quale tentò di riformare il regime comunista, sia in campo politico che economico. I suoi sforzi, accolti con entusiasmo dai cittadini, ricordati con la definizione di Primavera di Praga, furono fermati dall’invasione delle forze militari del Patto di Varsavia nella notte tra il 20 e 21 agosto dello stesso anno. Nel giugno dell’anno successivo Dubček fu espulso dal KSC. Dopo la fine del regime, Dubček divenne presidente del Parlamento federale nella rinata Cecoslovacchia democratica, ma morì il 7 novembre del 1992 per le ferite riportate in un incidente d’auto i cui dettagli non sono mai stati chiariti del tutto. Quest’anno avrebbe compiuto 95 anni.

(La Redazione)

_

Foto © European Union 2016 – Source : EP
Sotto: il busto nella presentazione a Bratislava la scorsa settimana. Con Fico sono Milan e Pavol Dubček (foto vlada.gov.sk)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.