Il Parlamento approva il bilancio dello Stato 2017, deficit previsto al 1,29% del PIL

parlam-slo_facebook

Il voto in plenaria parlamentare ha deciso l’approvazione del progetto di bilancio preventivo dello Stato per il 2017, dove si ricava che il deficit delle finanze pubbliche atteso dovrebbe ridursi all’1,29% del PIL per il prossimo anno, e scendere ancora allo 0,44% nel 2018. Nel 2019 i conti statali dovrebbero raggiungere un surplus pari allo 0,16% del Prodotto interno lordo.

Il deficit della pubblica amministrazione sarà, secondo le stime, di 2,017 miliardi di euro nel 2017, e il debito pubblico lordo è previsto diminuire gradualmente fino al 49,1% del PIL nel 2019. Nelle pieghe del documento, come per gli anni scorsi, si nasconde una riserva di bilancio di 100 milioni di euro, in modo da garantire copertura alle spese della PA anche se l’economia non dovesse andare come previsto, o per coprire progetti di investimento pubblico. Da questa riserva si dovrebbe attingere per aumentare gli stipendi dei dipendenti pubblici.

Sono state approvate anche alcune modifiche apportate dalle commissioni parlamentari nel settore delle imposte e tasse. I ricavi di bilancio sono stati aumentati a seguito della cancellazione del tetto massimo della base di calcolo nei trasferimenti obbligatori ai fondi di assicurazione sanitaria e nell’incremento del massimale dei trasferimenti ai fondi sociali. Una riserva aggiuntiva di 50 milioni di euro è stata decisa allo scopo di coprire eventuali impatti negativi nel settore sanitario.

Il progetto di bilancio è stato basato sulla stima di una crescita per l’economia slovacca del 3,5% nel 2017. Le potenziali ripercussioni della Brexit, secondo il ministero, dovrebbero poter essere compensate da una migliore produttività delle esportazioni.

Venerdì il Parlamento slovacco aveva concluso il dibattito, durato tre giorni, sul progetto di bilancio di previsione, che il ministro delle Finanze Peter Kazimir (Smer-SD) ha sottolineato avere ricevuto una valutazione molto positiva dalla Commissione europea. La Slovacchia risulta essere tra i cinque paesi dell’UE i cui budget 2017 sono in piena conformità con le regole del patto di stabilità e crescita. Oltre a Bratislava, sono passati indenni dall’esame di Bruxelles i bilanci di Germania, Estonia, Lussemburgo e Paesi Bassi. Si tratta di una valutazione rigida cui «gli investitori stranieri prestano molta attenzione», ha detto il ministro, anche quelli che che comprano i nostri titoli di Stato.

Nei suoi interventi l’opposizione ha criticato in particolare il fatto che, nonostante le elevate spese di bilancio degli ultimi anni, non si è visto un miglioramento del livello dei servizi pubblici.

(Red)

_
Foto nrsr.sk

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.