Milano, il Consolato Ceco celebra domenica Sant’Agnese di Boemia

santa-agnese-boemia

11A cura del Consolato Onorario della Repubblica Ceca a Milano, e dell’Associazione dei connazionali e degli amici della Repubblica Ceca si terrà a Milano domenica 13 ovembre un ricordo di Sant’Agnese di Boemia. Alle ore 10, nei locali della Parrocchia dei SS. Nereo e Achilleo, nel corso di un incontro amichevole Růžena Růžičková-Sanicola presenterà santa Agnese di Boema sia nella storia della Boemia che come esempio di solidarietà e conciliazione familiare. Alle 11:30 una santa messa sarà celebrata da don Gianluigi Panzeri, grande conoscitore della storia ceca.

Santa Agnese di Boemia, figlia del re boemo Přemysl Otakar I e della sua seconda moglie Costanza, nacque nell’anno 1211 e visse nell’epoca di san Francesco d’Assisi e santa Chiara, che lei ammirava e con la quale ha scambiato una corrispondenza. Quattro lettere di santa Chiara a santa Agnese sono custodite nella biblioteca della basilica di sant’Ambrogio a Milano. La cura dei malati e dei moribondi avvicina Sant’Agnese alla figura di Madre Teresa di Calcutta, da pochi mesi anch’essa santa.

Il poeta ceco Jan Zahradníček scrive di lei: “O fanciulla gotica dei Premislidi, cittadina dell’infinito, coetanea di tutti i secoli, orecchio sollecito ai nostri miseri lamenti.” B. Dlouhá nel 1929 scriveva: “Avevamo una volta una fanciulla che conosceva la pena di vivere in una famiglia dalla condotta disordinata davanti a Dio… Facciamone la protettrice delle famiglie e ausiliatrice contro lo sfacelo della famiglia.”

Nell’anno 1874 Agnese di Boemia fu proclamata beata e solo il 12 novembre 1989 fu canonizzata, proprio nei giorni della Rivoluzione di Velluto. Il suo spirito di sacrificio ha ispirato gli autori della statua, gli studenti della scuola di scultura e i pellegrini della Repubblica Ceca che il 8 settembre di quest’anno si sono recati a Roma per regalare la statua a papa Francesco, proprio nell’anno dedicato alla Misericordia. Santa Agnese ha conciliato suo fratello, il re Venceslao I con il figlio ribelle Přemysl Otakar II e per questo può essere il modello per le famiglie odierne dove non mancano le contese e le incomprensioni che si possono spianare con il perdono seguendo l’esempio di santa Agnese.


Info
Domenica 13 novembre 2016
Parrocchia dei Santi Nereo ed Achilleo, viale Argonne 56, Milano
(MM verde fino a Lambrate, poi bus n. 54 direz. Duomo – fermata vicino alla chiesa)
Altre info: Růžena Růžičková-Sanicola, 3396758459

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.