Cerimonia di commemorazione per gli italiani tumulati a Samorin. Le foto

samorin2016_02

Si è svolta martedì 1 novembre nel cimitero comunale di Šamorin, nella regione di Trnava, alla presenza di diverse autorità una cerimonia commemorativa per i defunti che ha incluso anche l’omaggio ai caduti italiani tra i prigionieri di guerra internati nella regione nelle ultime fasi della prima guerra mondiale.

samorin2016_01

Dopo una breve processione con la banda locale e l’omaggio al monumento a San Floriano, patrono dei vigili del fuoco, le autorità si sono recate al Quadrante italiano dove sono sepolte le salme di 1992 soldati italiani deceduti per malattia o deperimento nell’Ospedale militare di Šamorin o in altre strutture della zona.

samorin2016_03

Qui, dopo le note dell’alzabandiera militare italiano eseguito da due trombettieri della banda mentre venivano innalzati gli stendardi dell’Italia e della Slovacchia, la delegazione italiana con l’Ambasciatore Martini, il primo segretario Calluso e il colonnello Onofrio Picarelli, Addetto militare per l’Esercito, ha deposto una corona al monumento a memoria dei connazionali caduti che domina il quadrante. Lo stesso ha fatto la delegazione slovacca, con il sindaco Gabriel Bardos e il vice Csaba Orosz. Era presente alla cerimonia per la prima volta anche una rappresentanza del Gruppo Alpini Slovacchia, la cui creazione risale a pochi mesi fa.

samorin2016_04

samorin2016_05a

samorin2016_05

samorin2016_05b

samorin2016_04a

samorin2016_06

samorin2016_07

Le due delegazioni si sono poi recate nell’area del cimitero riservata ai caduti russi per un ultimo omaggio.

Il quadrante italiano fu ultimato nei primi anni Venti del secolo scorso. Un cippo dedicato ai soldati defunti, eretto a suo tempo dai loro compagni liberati, porta questa iscrizione: «I prigionieri italiani tornando in Patria commemorano i fratelli morti a Somoria, glorificandoli nel compianto della Nazione. Novembre 1918». All’inizio degli anni 2000 fu eretto nel riquadro un memoriale in marmo nero sul quale campeggia la scritta «L’Italia ai suoi caduti in Slovacchia» con un nuovo cippo, che nel 2002 ricevette la visita dell’allora Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azelio Ciampi.

samorin2016_09

(PS)

_
Foto: Mar. ca. Omar Greco

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.