I partiti della coalizione di nuovo al tavolo per decidere i ministri

governo-smer-sas-most-siet_2

I quattro partiti della nuova coalizione nata ieri – Smer-SD, SNS, Most-Hid e Siet – si riuniscono oggi pomeriggio per una decisione definitiva sulla distribuzione dei dipartimenti ministeriali. Secondo le informazioni i tredici ministeri saranno suddivisi in base al rapporto 7-3-2-1, in base al risultato elettorale dei partiti. Smer si dovrebbe tenere i dicasteri principali, che in base a quanto appreso dai media dovrebbero essere interni, Finanze, Affari esteri, Salute, Cultura e Lavoro.

Il partito SNS dovrebbe ottenere il ministero dell’Agricoltura e dell’istruzione. A Most-Hid andrebbero Giustizia e Ambiente, mentre Siet riceverà probabilmente i Trasporti, il ministero forse piì ricco di tutti, che gestisce la gran parte dei fondi UE. Difesa ed Economia non sarebbero ancora decisi, ma il primo potrebbe rimanere a Smer e il secondo andare al Partito Nazionale Slovacco (SNS).

Le delegazioni dei quattro partiti sono arrivate al Palazzo del Governo poco dopo 12:00 di oggi per negoziare le poltrone. Secondo Tasr, il leader di Most-Hid Bela Bugar ha rifiutato di commentare la presunta richiesta dell’opposizione che il primo ministro Fico e il ministro dell’Interno Robert Kalinak abbandonino i loro posti nel nuovo governo.

Secondo l’agenzia Sita, invece, Fico e Kalinak rimarrebbero al loro posto, così come Kazimir alle Finanze, e forse Richter al ministero del Lavoro, Affari sociali e Famiglia. Per la Cultura sembra che Madarik lascierà il suo posto a Jan Podmanicky, sindaco di  Stara Bystrica e deputato Smer. Alla Giustizia, finita in quota Most-Hid, andrebbe l’ex ministro Lucia Zitnanska, che ha già occupato quella posizione in passato come membro di SDKU-DS, e all’Ambiente potrebbe finire Laszlo Solymos sempre di Most. Pare che la posizione di vice primo ministro per gli investimenti, oggi tenuta da Lubomir Vazny, dovrebbe essere soppressa.

https://twitter.com/VolbySlovensko/status/710110514303639552

Tra i nomi fuoriusciti dai corridoi non ci sono quelli dei leader dei tre partiti che si alleano con Smer, che finirebbero a cariche parlamentari. Sarebbe infatti anche stata definita l’ossatura della direzione del Parlamento. La presidenza andrebbe al leader SNS Andrej Danko, e suoi vice sarebbero Marek Madaric (Smer-SD), Bela Bugar (Most) e Radoslav Prochazka (Siet).

I colloqui continuano a porte chiuse, è presumibile che sarà una conferenza stampa prima dei telegiornali serali a fare chiarezza su tutti i nomi principali del governo nascente.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.