Bruxelles, sotto esame i sostegni all’energia pulita in Slovacchia

pannelli-solari fotovoltaico

La Commissione europea ha intenzione di ascoltare i produttori slovacchi di energia verde e indagherà sul presunto stop al sostegno a tale settore in Slovacchia. Questo il risultato di un incontro a Bruxelles con i produttori dell’Associazione Slovacca dell’Industria Fotovoltaica (SAPI), il cui direttore Pavel Simon ha detto che la mossa dei distributori di energia elettrica, definita illegale, ha messo a rischio 1200 imprese e 3600 dipendenti. Per la produzione di energia verde sono previsti per legge contributi a sostegno di tale generazione di energia elettrica per un periodo di 15 anni.

I produttori avevano l’obbligo di presentare il loro piano di produzione per il 2015 entro l’agosto scorso all’Ufficio di regolamentazione slovacco URSO, che sulla base dei dati ricevuti avrebbe stabilito i prezzi finali dell’energia elettrica per le famiglie e l’industria. Ma circa 1200 produttori di energia da fonti rinnovabili non hanno rispettato quest’obbligo, secondo URSO. Secondo i produttori gli annunci erano arrivati in ritardo, e così molti dei piani produttivi.

Ora l’associazione, che si è già appellata al Commissario all’Unione energetica, lo slovacco Maros Sefvociv, e al suo collega per l’Azione per il clima Miguel Arias Canete. Ora sta pensando di rivolgersi anche alla Corte Costituzionale slovacca.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.