Infografiche: Incidenti stradali in calo in Europa. Di più nei Paesi più poveri

incidente stradale

Forse è poco noto il fatto che vi è un continuo calo degli incidenti stradali in Italia ed Europa. In Italia, ad esempio, rispetto agli anni ‘70 i morti per milione di abitanti sono ridotti di un quarto, da 221 a 57. In particolare un crollo è stato registrato dai primi anni 2000. Maggiore educazione alla guida, patente a punti, grandi progressi tecnologici delle case automobilistiche, miglioramento della tecnica medica, anche maggiore età media dei guidatori, tutto ciò ha contribuito a questi dati.

Ma attualmente in Europa l’Italia è solo a metà classifica, mentre vi son Paesi ancora più sicuri. Nella seconda infografica (vedi linguetta in alto), Svezia, Regno Unito, Paesi Bassi, Svizzera, Spagna sono i più virtuosi, con valori inferiori ai 40 morti per incidenti per milione di abitanti. Ma va comunque molto peggio nei Paesi dell’Est Europa (esclusa la Slovacchia), e in particolare quelli del blocco ex sovietico come Georgia, Azerbaigian, Ucraina, in cui ancora si superano i 100 morti per milione.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Certo l’alcool ha in quest’area del continente la sua influenza, ma in generale, guardando anche i dati di Montenegro, Macedonia, Bosnia, Moldova, Romania, Paesi Baltici, pare esserci una correlazione tra livello di reddito e incidenti stradali, intuizione confermata dalla terza infografica, che analizza un numero limitato di Paesi ma individua un trend chiaro.

Sono i Paesi che sono rimasti indietro da un punto di vista economico quelli in cui guidare è più pericoloso, e vi sono più morti per incidenti, che sia per la scarsa qualità del parco macchine, delle strade o del sistema sanitario.

La crescita economica anche in questo caso appare come un indispensabile strumento di miglioramento.

(Gianni Balduzzi, via TermometroPolitico.it)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.