25 aprile, le celebrazioni dei 70 anni dalla Liberazione dell’Italia dal nazifascismo

liberaz_25aprile

Si celebrano domani 25 aprile i 70 anni dalla fine della Seconda Guerra mondiale in Italia, nel 1945. Un anniversario che darà una luce più vivida ai festeggiamenti della Liberazione dal nazifascismo e un significato più profondo alla Resistenza, per tener viva la memoria del coraggio di chi ha combattuto per gli ideali della libertà e della democrazia.

La Resistenza italiana ha cambiato profondamente il nostro paese, influenzandone sia gli equilibri sociali che politici. La storia fa iniziare la Resistenza dopo la caduta di Mussolini e dopo l’armistizio di Cassibile, firmato da Badoglio il 3 settembre 1943. In realtà è già nel 1940 che l’Italia comincia a cambiare: gli uomini partono per il fronte e le donne, angeli del focolare fino a quel momento, diventano i veri capifamiglia. Leggi su Sapere.it una ricostruzione dei maggiori eventi di 70 anni fa.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

L’evento principale delle celebrazioni sarà come al solito, domani mattina alle 9:45, la deposizione di una corona d’alloro all’Altare della Patria, a Roma, a cui parteciperà il capo dello Stato Sergio Mattarella. Oggi, incontrando al Quirinale le rappresentanze delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, Mattarella ha sottolineato che «il 25 aprile è il giorno della libertà di tutti. Una libertà costata sacrifici e sangue, sofferenze e dedizione fino all’eroismo personale». Mentre in una intervista a Ezio Mauro, direttore di Repubblica, il presidente aveva soprattutto ricordato che «il 25 aprile è patrimonio di tutto il Paese», non rinunciando a parlare anche di temi “scabrosi” come la presunta “uguaglianza” dei morti dell’una e l’altra parte [intendendo per “altra” i fedeli alla Repubblica di Salò – ndr], o il sangue corso per vendette famigliari e non nell’immediato post-liberazione. In un suo articolo per un numero speciale di Micromega in edicola in questi giorni Mattarella ha scritto anche che «la Costituzione, nata dalla Resistenza, ha rappresentato il capovolgimento della concezione autoritaria, illiberale, esaltatrice della guerra, imperialista e razzista che il fascismo aveva affermato in Italia, trovando, inizialmente, l’opposizione – spesso repressa nel sangue – di non molti spiriti liberi». Ai Padri costituenti «non sfuggiva il forte e profondo legame tra la riconquista della libertà, realizzata con il sacrificio di tanto sangue italiano dopo un ventennio di dittatura e di conformismo, e la nuova democrazia, nata dalle macerie di una guerra terribile e devastante».

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

La Presidenza del Consiglio ha aperto un sito specifico, Liberazione70 (http://liberazione70.it/), e sul suo sito istituzionale una sezione dedicata al 70° anniversario, con diverse notizie e iniziative, dove trovare i programmi di cerimonie a attività in tutta Italia. La campagna di comunicazione del governo si basa sulla domanda “Che cos’è per te il coraggio? Raccontalo in un tweet con #ilcoraggiodi”. Sono a disposizione anche i canali Facebook e Twitter. Il tema del coraggio è anche il cuore di tre spot televisivi.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Anche i maggiori organi della stampa hanno aperto sezioni e speciali dedicati all’anniversario sui loro siti. Vedi ad esempio Repubblica e Corriere della Sera, che ha lanciato una collana di libri sul tema. Repubblica sul suo sito trasmette anche alcuni film simbolo della Resistenza. Ieri era il turno di Roma città aperta, oggi sarà trasmesso Sciuscià.

Per rafforzare lo spirito “popolare” dell’anniversario, anche il talent tv “The Voice” farà la sua parte, e vi si canterà “O bella ciao”. Uno Speciale della Rai tratterà del tema (qui tutti gli appuntamenti), e il canale tv Rai Storia dedicherà l’intera programmazione della giornata del 25 aprile alla celebrazione dell’anniversario. Ma anche le altre tv daranno largo spazio alla cosa.

(P.S.)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.