Più musica nazionale nelle radio slovacche: nuova legge fisserà minimo al 25%

radio

Dal prossimo anno la musica slovacca dovrà raggiungere almeno il 20% dei palinsesti globali mensili delle radio commerciali in Slovacchia. Una percentuale che si alzerà ancora, al 25%, nel 2017. Così recita una proposta di emendamento del Ministero della Cultura alla legge sulla radio-telediffusione che presto sarà presentato per i commenti interministeriali. E va ancora bene, perché le emittenti pubbliche dovranno fare anche meglio: minimo 35% di made in Slovakia nell’intera programmazione musicale.

Il ministro Marek Madaric crede cha le radio slovacche siano l’unica possibilità di pubblicizzare contenuti musicali di produzione nazionale, che sono «una forma di cultura e portano con sé i valori culturali» slovacchi, ha detto legittimando l’operazione. Un’opinione condivisa dal capo del governo Robert Fico, che ritiene questo un modo “per promuovere l’identità slovacca”.

Il disegno di legge dovrebbe essere discusso dal gabinetto in maggio e arrivare in Parlamento il mese dopo. Potenzialmente, sarà effettivo dal 1° gennaio 2016.

L’idea è condivisa da un certo numero di eminenti musicisti slovacchi che si erano mossi con una “Iniziativa per la musica slovacca” proprio allo scopo di aumentare la trasmissione di musica nazionale nelle stazioni radio che sono colonizzate da musica straniera. E nonostante un impegno delle emittenti con i funzionari del ministero di qualche tempo fa, la musica slovacca non è ancora andata oltre il 10% del tempo di trasmissione musicale delle radio. Per questo si è ora deciso di agire per via legislativa.

Simili minimi di legge sono in vigore ad esempio in Polonia (33%), Ungheria (35%) e Francia (40 per cento).

(Fonte RSI)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.