RS – Rassegna stampa di oggi, mercoledì 8 aprile

Prime pagine di oggi, mercoledì 8 aprile 2015

rassegna rsrs

La Corte Europa dei diritti umani di Strasburgo ha condannato l’Italia per i fatti avvenuti alla scuola Diaz durante il G8 di Genova del 2001. E’ questa la notizia del giorno, scelta salvo qualche eccezione come apertura dei principali quotidiani in edicola oggi, mercoledì 8 aprile 2015.

Il Manifesto apre con un secco “Banditi d’Europa”, scegliendo come sempre una grande immagine d’apertura a corredo della notizia. Il Fatto Quotidiano dà la notizia sottolineando come in Italia non esista ancora il reato di tortura, mentre La Repubblica opta per un titolo esplicativo: “G8, alla Diaz fu tortura. L’Europa condanna l’Italia”.

Apertura simile per Il Secolo XIX e Il Gazzettino, che si concentrano anche sul Def all’esame di Palazzo Chigi: “Tasse, per ora nessuna riduzione”. Le linee guida del Def aprono la prima pagina de Il Messaggero, “Così ì i tagli per ridurre le tasse”, e de La Gazzetta del Mezzogiorno, che titola: “La manovrina di Renzi, né tagli né nuove tasse”.

Il Corriere Della Sera relega la sentenza della corte di Strasburgo a metà pagina e sceglie di aprire col piano economico del Governo. Il titolo: “Scintille tra Renzi e i sindaci”. Spazio anche alla nuova strage dei jihadisti dello Stato Islamico.

Il Giornale apre con la condanna all’Italia, dimostrandosi ancora una volta per il quotidiano che è. Il titolo: “Sentenza europea. Ora torturano i poliziotti”. L’occhiello spiega: “L’Italia condannata per l’irruzione alla scuola Diaz durante il G8 di Genova del 2001. Ma tutti dimenticano che per tre giorni le vittime degli scontri furono le forze dell’ordine”.

Rassegna quotidiana dai giornali italiani. Dai siti Blogo News e Giornali24.it.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.