Terremoto al governo, fuori la Ministra Zvolenska per un appalto (molto) dubbio

Ospedale Ruzinov, sala operatoria

Con un’accelerazione forse inaspettata, il Ministro della Salute Zuzana Zvolenska è entrato nell’occhio del ciclone, e nel giro di poche ore ha rassegnato le dimissioni ieri nel tardo pomeriggio dal governo socialdemocratico, con soddisfazione dell’opposizione. Alla fine di ottobre un servizio di TV Markíza aveva parlato dell’acquisto di uno scanner per la TAC per l’Ospedale di Piestany. Una strumentazione che costa intorno ai 500.000 euro, e che il nosocomio intendeva acquistare nel 2012 per un milione. Il progetto fu però annullato, e la gara interrotta, dopo le elezioni parlamentari del marzo 2012 a causa del cambiamento del top management. La nuova gestione del nosocomio annunciò un nuovo concorso, scegliendo poi una strumentazione TAC diversa, comprata per 1 milione e 600 mila euro. La gara fu vinta da una società di Kosice, la Medical Group SK, vicina, sembra, al presidente del Parlamento Pavol Paska (Smer-SD).

La differenza tra costo reale del macchiario e prezzo finale, circa un milione di euro, aveva accusato ieri l’opposizione che minacciava un voto di sfiducia personale per il ministro, era presumibilmente indirizzata alle tasche di qualcuno vicino a Pavol Paska, al ministro Zvolenska o a «qualche altro lacchè che ha partecipato a questo» scandalo, ha detto ad esempio il capo dei neoliberali (SaS) Richard Sulik in una conferenza stampa.

Con il partito di Sulik erano anche i rappresentanti di NOVA e Gente Ordinaria (OLaNO), pronti a chiedere un voto di sfiducia in aula, per il quale avevano già iniziato a raccogliere le firme dei 30 deputati richieste. Se i colleghi di Smer vogliono rubare, «lasciamoli rubare nelle gare d’appalto e sulla costruzione delle autostrade», ha detto Daniel Lipsic (NOVA) alla conferenza, «ma trovo perfido rubare nella sanità». Lipsic ha anche ricordato diverse altre operazioni poco chiare fatte in passato dalla stessa società coinvolta nell’affare di Piestany, Medical Group SK. I rappresentanti della società siedono nei consigli di vigilanza degli ospedali, ma la sede legale della società è in Belize, un paradiso fiscale, ha scritto Tasr.

A favore dell’allontanamento della Zvolenska erano anche deputati di un più vasto gruppo di opposizione, che include i partiti Most-Hid e SDKU, che chiedevano un’ispezione nel nosocomio di Piestany della Commissione parlamentare Sanità.

Dopo un appello fatto dallo stesso capo del governo Robert Fico, dove aveva detto, in una conferenza stampa straordinaria nel pomeriggio, che i dubbi sollevati dall’acquisto a caro prezzo dell’ospedale non verranno sopiti con le dimissioni del consiglio di sorveglianza dell’ospedale. «Anche la persona che controlla queste persone e che li sorveglia [il ministro, ndr] deve essere ritenuta responsabile», ha detto il Premier, dando il via a un licenziamento in piena regola.

Il sito Tasr ha scritto ieri, lunedì, alle 18:50 che Zuzana Zvolenska ha accolto l’appello del Premier e consegnato le sue dimissioni. «Non voglio dubbi sull’acquisto della TAC, così ho deciso di presentare una denuncia all’Ufficio per gli appalti pubblici, unico organismo abilitato a indagare se l’appalto era legale», si legge in una dichiarazione diramata dalla Zvolenska. «Sto anche preparando una denuncia alla Corte dei conti (NKU). Non posso dire al momento se l’approccio [dell’ospedale] è stato giusto. Quello che posso dire, però, è che i rappresentanti del Ministero della Sanità nel consiglio di vigilanza dell’Ospedale di Piestany hanno omesso di informare me delle misure adottate dall’ospedale». Il ministro ha anche dimesso in blocco tutti i candidati del ministero dal Consiglio di sorveglianza suddetto. Tra di essi anche la deputata Smer Renata Zmajkovicova, presidente del consiglio di sorveglianza, che il Premier Fico aveva parimenti invitato a prendersi la responsabilità politica dei fatti, dimettendosi dalla carica di vice presidente parlamentare.

Il presidente del Parlamento Pavol Paska, uno tra i più potenti personaggi all’interno di Smer, ha respinto con veemenza le accuse rivolte contro di lui dai partiti di opposizione riguardo all’appalto, dichiarando di non avere niente in comune con la ditta Medical Group SK, della quale ha detto di aver ceduto la sua quota come socio di minoranza «quasi tredici anni fa», nel 2002, prima ancora di divenire deputato.

Ora il Primo ministro Fico dovrà pensare a un nuovo Ministro della Sanità, e il nome in pole-position per guidare il ministero nel frattempo è quello del Vice Premier per gli Investimenti Lubomir Vazny, già capo del dipartimenti dei Trasporti nel precedente governo Fico.

Della gara per l’acquisto della strumentazione TAC, intanto si occuperanno gli investigatori della polizia, incaricati dal Procuratore generale della Slovacchia Jaromir Ciznar.L’indagine sarà supervisionata dallo stesso ufficio del PG e dalla Procura regionale di Trnava.

(Fonti varie di stampa)

Foto: Ospedale Ruzinov, sala operatoria

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.