Grande Guerra, mostra Legione ceco-slovacca a Rovereto, lapide ai caduti slovacchi a Redipuglia

mostra-grandeguerra-krasnoho_(foto_Amb-SK)

Il 23 ottobre 2014 è stata inaugurata presso la Fondazione Campana dei Caduti a Rovereto la mostra “Centenario della Prima guerra Mondiale” del Ministero degli Affari esteri slovacco. Erano presenti, oltre all’Ambasciatore Maria Krasnohorska che ha organizzato l’evento, una delegazione slovacca della Commissione intergovernativa Italia-Slovacchia per le Sepolture di Guerra, e il presidente della Fondazione, senatore Alberto Robol e presidente e direttore del locale Museo della Guerra, Alberto Miorandi e Camillo Zadra, insieme a rappresentanti dell’autorità comunale. Si è poi passati a deporre una corona di fiori in omaggio a tutti i caduti della Prima guerra mondiale presso la Fondazione stessa.

legioni-cecoslovacche

Nello stesso giorno la delegazione slovacca si è recata all’Ossario Casteldante a Rovereto, dove ha deposto una corona in memoria del legionari ceco-slovacchi inumati in loco, e il giorno successivo ha inaugurato, presso il cimitero militare di Folignano-Redipuglia, una lapide commemorativa bilingue a ricordo dei legionari ceco-slovacchi caduti nell’Italia del nord.

krasnoho-legionari-rovereto_(foto_Amb-SK)

La mostra sul Centenario della Grande Guerra sarà visitabile fino al 21/11/2014, tutti i giorni dalle 9 alle 16:30. La mostra è composta di 16 pannelli ed è dedicata alle origini, allo scoppio ed alle conseguenze della Prima Guerra Mondiale. Una parte della mostra è dedicata all’impegno dei soldati slovacchi e cechi sui territori europei (Russia, Francia e Italia) ed alla formazione delle legioni ceco-slovacche, che combatterono a fianco delle truppe italiane contro gli austriaci sul Piave e in Trentino.

Altre immagini della visita della delegazione slovacca in Trentino sono sulla pagina Facebook dell’Ambasciata.

La “Campana dei Caduti”, battezzata Maria Dolens, è uno dei simboli più alti del desiderio di pace universalmente condiviso dopo il tanto sangue versato negli anni della Grande Guerra. Voluta dal sacerdote roveretano don Antonio Rossaro all’indomani del conflitto, la campana, che domina la valle, è stata fusa con il bronzo dei cannoni offerto dalle nazioni che parteciparono alla guerra. Fu inaugurata nel 1925, alla presenza di Re Vittorio Emanuele III. Ogni sera dal colle di Miravalle, alle 21:30, la campana suona cento rintocchi.

 

(La Redazione)

Foto Ambasciata slovacca a Roma 

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.