Ambiente: il gruppo V4 fa fronte comune con Romania e Bulgaria contro i target vincolanti dell’UE

ambiente_emissioni_co2_(freefoto_2759629888@flickr_CC)

I ministri dell’Ambiente dei paesi del Gruppo di Visegrad V4 (Slovacchia, Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia) si sono incontrati a Bratislava martedì nella versione V4+, con invitati anche i colleghi di Romania e Bulgaria. I sei paesi hanno deciso di unire le forze per ammorbidire le posizioni della Commissione Europea in materia di obiettivi ambientali in occasione del vertice UE che si terrà in questo mede di ottobre.

Il rappresentante della Slovacchia, Peter Ziga, ha sostenuto che lui e i suoi colleghi sostengono senz’altro le nuove politiche ambientali comunitarie, ma bisogna tenere in conto anche le realtà economiche nazionali.

Ad esempio, il pacchetto per l’ambiente dell’UE vorrebbe fissare una riduzione del 40% dei gas serra entro il 2030, con un contemporaneo aumento del 27% della quota di risorse rinnovabili nel mix energetico dei diversi paesi, unito a un incremento del 25% nell’efficienza energetica. Secondo i sei paesi presenti a Bratislava, l’unico obiettivo vincolante che possono accettare è quello sulle emissioni di gas serra.

(Fonte Rsi)

Foto freefoto

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.