Corte costituzionale respinge appello Ombudsman su discriminazione stranieri

L’istanza dell’Ombudsman slovacco Jana Dubovcova alla Corte Costituzionale per la costituzionalità della legge sul soggiorno degli stranieri è stata rigettata dalla corte la scorsa settimana, motivando il giudizio con il fatto che la Dubovcova non è autorizzata a presentare l’appello. Il difensore civico criticava una pratica ancorata nel diritto slovacco che permette alle autorità di respingere o di espellere uno straniero soltanto sulla base di una valutazione soggettiva di ‘minaccia alla sicurezza’, senza alcun diritto per il cittadino straniero anche solo di leggere il fascicolo che lo incrimina.

La Dubovcova sostiene che la legge vada contro le linee guida stabilite dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, e secondo lei potrebbe discriminare gli stranieri che richiedono asilo in Slovacchia in futuro, negando loro la parità di trattamento di fronte ai tribunali o agli enti della Pubblica amministrazione. La revisione della legge sugli stranieri permette all’ufficio immigrazione di rifiutare la richiesta di entrare o rimanere in Slovacchia in base a un ‘interesse alla sicurezza della Repubblica Slovacca’, senza la necessità di spiegare loro perché.

(Red, Fonti di stampa)

Foto –sam– @ flickr

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.