Lavoratori autonomi, rischio povertà per loro quando saranno pensionati

Ben l’80% circa dei lavoratori autonomi in Slovacchia ha pagato soltanto il contributo obbligatorio minimo mensile di 130 euro lo scorso anno, scrive il quotidiano Pravda citando i dati ufficiali della previdenza sociale slovacca, la statale Socialna Poistovna. In questo modo, come avverte la stessa SP, molte di queste persone rischiano di avere pensioni talmente basse che potrebbero finire per dover aver bisogno del sussidio sociale minimo. Viola Kromerova del sindacato del lavoro autonomo dice che in molti casi la ragione di tale comportamento è la mancanza di reddito, dovuto almeno in parte all’alta tassazione, dice. Dal Ministero del Lavoro, tuttavia, fanno sapere che la percentuale di chi ha pagato una copertura assicurativa minima è scesa del 7% rispetto all’anno prima. Una parte di persone che hanno mansioni da lavoratori dipendenti in Slovacchia sono in realtà spinti dal datore di lavoro ad aprire una posizione di lavoratori autonomi per risparmiare copiosamente sul costo del lavoro.

(Fonte Pravda, via RSI)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.