News dell’8 Marzo 2010

Politica interna

Lo Smk cerca il 9 percento dei voti nelle prossime politiche

Pal Csaky, leader del partito politico Smk, filo e pro-Ungheria, ha dichiarato in conferenza stampa Sabato scorso, a margine di un’assemblea generale l’ambizioso obiettivo. Csaky ha anche sottolineato che i punti principali del manifesto politico dello Smk saranno accessibili nel sito web del partito nelle tre lingue: slovacca, ungherese ed inglese. Il partito spenderà 800.000 Euro per finanziare la propria campagna; 332.000 derivanti da un finanziamento ed il residuo utilizzando i fondi ricevuti dallo Stato per i risultati ottenuti nella campagna politica del 2006.

(Fonte Tasr)

Economia

La ripresa per la Slovacchia passa dalle economie di Germania e Cechia

Secondo il Direttore Generale dell’Ufficio Centrale di Statistica Frantisek Bernadic lo sviluppo dell’economia della Slovacchia, e la ripresa del Pil non possono che dipendere dalla ripresa della domanda estera. Chiari segnali in questo senso si sono già visti nell’ultimo trimestre 2009, come lo stesso Frantisek ha dichiarato alla Tasr Sabato scorso. I due paesi sono infatti tra i partners più importanti e gli importatori della maggior parte della produzione della Slovacchia. Ovviamente, la ripresa dipenderà anche dal trend della domanda interna, degli investimenti, della spesa delle famiglie e del settore pubblico.

(Fonte Tasr)

Vinta una battaglia, ma non la guerra, per il Tokaj

Come riportato dal quotidiano Pravda, è stata solo una parziale vittoria quella dell’agricoltura Slovacca per l’utilizzo della denominazione Tokaj. In effetti la Ue ha nuovamente autorizzato i vigneron slovacchi all’utilizzo di tale denominazione, ma solo con l’aggiunta: “Regione di nuova produzione”. Per Jaroslava Kanuchova-Patkova, dell’Istituto per la Viticultura, è comunque un importante passo in avanti verso il riconoscimento finale, che ovviamente incontra la totale opposizione dell’Ungheria, che ha provveduto in tempo più celere alla registrazione della denominazione a Bruxelles.

(Fonte Tasr)

Salgono i prezzi di diesel e Gpl, scende il Gasolio

Tra il 22 ed il 28 Febbraio scorso, come annunciato Venerdi dall’Ufficio Centrale di Statistica, sono saliti alla pompa i prezzi di benzina e Gpl, mentre il diesel è diminuito, in controtendenza. Il prezzo della verde a 95 ottani è infatto aumentato di 1,62 centesimi raggiungendo in media 1,192 Euro; mentre la 98 ottani con un aumento di 0,88 centesimi ha quotato soglia 1,2540 al litro. Il Gpl è invece salito di 3,99 centesimi toccando i 49,5 centesimi per litro. Il gasolio, come detto e sull’onda lunga della diminuzione delle accise decisa dal Governo per compensare le imprese di autotrasporto, è adesso nuovamente poco al di sopra di 1 Euro, esattamente a 1,002.

(Fonte Ufficio Centrale di Statistica)

Positivo per il Ministero dell’Economia il bilancio delle misure anti-crisi

Il Ministro dell’Economia ha dichiarato Venerdi scorso come le misure anti-crisi, messe in atto dal Governo abbiano significativamente contribuito ad alleviare gli effetti della crisi stessa. Le misure messe in atto dal Ministero sono in linea con le politiche economiche concertate a Bruxelles e con il Piano Ue di rientro dalla crisi. Nel report rilasciato dal Ministero si legge anche che, al momento, non si ritiene in accordo con gli altri Paesi comunitari di adire a nuove misure ma bensì di continuare ad utilizzare quelle che hanno provato una maggior efficacia. Tra queste vengono citati i contributi per la rottamazione e gli incentivi per un miglior isolamento termico degli edifici.

(Fonte Tasr)

Imprese

Domani il business forum della Sario al Ministero dell’Economia

Oltre 150 le aziende di cui molte dall’estero, più di 250 i partecipanti accreditati. Notevole consenso ha riscosso tra gli imprenditori stranieri e slovacchi la possibilità di avere una panoramica sugli incentivi agli investimenti offerti dal Ministero dell’Economia con le tavole rotonde che verranno organizzate e gli incontri one-to-one con gli otto governatori delle Regioni slovacche ed oltre 120 sindaci presenti. Slovacchia Group, cooperation partner della Sario sarà presente con sette importanti aziende che realizzeranno progetti nei settori delle costruzioni, automotive, energia, ricerca, parchi industriali e call centre. Nel numero di Mercoledi daremo uno speciale sulla giornata con interviste esclusive ai dirigenti della Sario ed ai responsabili delle aziende partecipanti.

(Ettore Bellucci)

Il Ministero dei Trasporti sospende la licenza ad Air Slovacchia sino al 30 Aprile

Venerdi scorso il Ministero dei Trasporti ha deciso di sospendere la licenza e quindi l’attività di volo della travagliata compagnia aerea Air Slovacchia, a seguito della decisione dell’Ente per la protezione del Volo che aveva disposto di congelare la Aoc, certificato di operatività aerea, sino alla fine di Aprile. Domani, Martedi, ci sarà un nuovo incontro al Ministero con i vertici della compagnia aerea per verificare la solidità finanziaria di Air Slovacchia e quindi la possibilità di riattivare la licenza, che però, tra le conditio ha quella, appunto, di avere una Aoc.

(Fonte Tasr)

Istituzioni

Giusto il percorso per migliorare la qualità degli studi

Il percorso intrapreso dal Ministro della Scuola, Jan Mikolaj, per classificare gli istituti tecnici e le università, differenziandole in base ad obiettivi ben  normati di qualità è un compito estremamente arduo ma molto importante. Questa la dichiarazione del Premier Robert Fico al termine dell’ispezione condotta Venerdi presso la sede del Ministero stesso. Il Premier ha aggiunto che aiuterà con ogni mezzo l’opera del Ministero, perchè, se il numero degli studenti universitari in Slovacchia è in linea con le attese, non altrettanto si può dire della qualità dell’insegnamento fornita loro. Sottolineando che l’opera del Ministero è stata ritenuta particolarmente valida, e che nessun taglio al bilancio dello stesso è stata deliberato, il Premier ha anche enfatizzato la collaborazione tra le attività del mondo accademico, della Sav -Accademia Slovacca per le Scienze- e del mondo delle imprese. Collaborazione che sta iniziando a dare ottimi frutti. Anche la capacità di utilizzo degli EuroFondi, in questo settore, è stata particolarmente elevata.

(Fonte Tasr)

I ministri degli Esteri si incontrano a Cordoba, in Spagna

Il Ministro degli Esteri Miroslav Lajcak è a Cordoba -Andalusia, Spagna- per una riunione informale dei Ministri degli Esteri Ue, avente ad oggetto l’allargamento ai nuovi Paesi dell’Unione, le problematiche del Medio Oriente e l’Area dei Balcani. Lajcak nel proprio intervento condividerà con  i colleghi i contenuti raccolti nei suoi colloqui della settimana scorsa avuti con gli esponenti del Governo di Israele e della Striscia di Gaza. L’incontro di Cordoba, che è chiamato Gymnich dal nome del castello in Germania dove si è svolto il primo meeting nel 1974, è caratterizzato dal fatto che al termine i Ministri non rilasciano alcun commento sulle decisioni prese.

(Fonte Tasr)

Cronaca ed attualità

Sale considerevolmente il numero degli Slovacchi all’estero

Il numero stimato degli Slovacchi residenti all’estero è attualmente stimato in oltre 2,2 milioni. Il dato è stato rilasciato alla Tasr Venerdi scorso dall’Ufficio degli Slovacchi residenti all’Estero, su dati raccolti dall’Ufficio Centrale di Statistica, dalle Associazioni degli Slovacchi all’estero, dai consolati e dal Ministero degli Affari Esteri. Nel periodo di tempo 2009-1991 tale numero è significativamente aumentato. Meta prediletta il Regno Unito, nel quale il flusso è aumentato di circa  90.000. Oltre 60.000 Slovacchi hanno migrato nello stesso periodo in Cechia, 40.000 in Germania, 29.000 in Irlanda. Attualmente circa 30.000 Slovacchi risiedono in Austria, 15.000 in Italia. Ma, curiosamente, ci sono altri flussi importanti quali i 2.000 Slovacchi che hanno migrato in Belgio, e gli 8.000 che hanno optato per Spagna ed Olanda. In alcuni Paesi, all’opposto, nel periodo in oggetto si è osservata una diminuzione netta della comunità Slovacca. In Polonia, ad esempio, da 20.000 a 15.000; in Romania: da 21.000 a 18.000; in Serbia: da 64.000 a 60.000. Infine, in Ungheria con 110.000 ed in Canada con 100.000 ci sono le maggiori comunità di orgine Slovacca i cui residenti hanno poi optato e presa la nuova cittadinanza.

(Fonte Tasr)

Negata la libertà provvisoria al bancarottiere Fruni

La Corte Regionale di Trencin ha negato, Giovedi scorso, la libertà provvisoria al bancarottiere Vladimir Fruni, reo di avere dissipato con schemi di Ponzi oltre 465 milioni di Euro ai risparmiatori che negli anni ’80 e ’90 avevano creduto alle magiche promesse di rendimenti offerti sino al 50 percento annuo. La motivazione alla base del diniego è stata che il bancarottiere, ex mente e dominus delle finanziarie Horizont Slovakia e Bmg Invest, ha collezionato nel quinquiennio 2002-2007 cinque provvedimenti disciplinari. Fruni, condannato ad oltre 11 anni di pena detentiva per il dissesto del gruppo, aveva espiato i due terzi della pena, e chiesto i benefici di legge. Sulla richiesta si era inizialmente espresso con parere favorevole il Tribunale Distrettuale, ma il procuratore generale aveva fatto ricorso rinviando la decisione finale alla Corte Regionale. Per il cinquantasettenne Fruni rimangono dunque chiuse le porte del carcere.

(Fonte Tasr)

Necessario il richiamo per tetano e difteria

Il ministero della Sanità ha emanato una nuova raccomandazione per favorire il richiamo contro tetano e difteria, da parte della popolazione adulta. Più in particolare, coloro che hanno più di 30 anni debbono rivaccinarsi ogni 15 anni, perchè il livello degli anticorpi a protezione di queste due malattie, particolarmente temibili anche se molto rare in Slovacchia, scende notevolamente a questa età. Il richiamo -ne è sufficiente uno per entrambe- sarà totalmente a carico del servizio sanitario nazionale.

(Fonte Tasr)

Presto alcune tratte di autostrada avranno il limite a 160

Almeno due tratte delle autostrade avranno il limite di velocità elevato da 130 a 160 chilometri all’ora. Il primo tra la città di Trencin ed il villaggio di Rakoluby, il secondo tra il villaggio di Vztizer (Regione di Trencin) e la città di Bytca (Regione di Zilina). Questo quanto dichiarato da Milan Mojs, Segretario di Stato per i Trasporti. Mojs ha anche anticipato che un terzo tratto sarà oggetto del provvedimento, ma non ha voluto indicare quale. Il provvedimento verrà presentato al Ministero dei Trasporti entro la fine di Marzo, per l’indispensabile via libera.

(Fonte Tasr)

Cronaca estera

Il Liechstenstein fa shopping di clienti in Gran Bretagna

Secondo quanto riportato dallo Hospodarske Noviny il Principe Max del Granducato del Liechstenstein sta promuovendo il proprio Paese in un’intensa campagna tesa ad attrarre nuovi intestatari di conti dopo aver sottoscritto un accordo con le autorità tributarie britanniche. La campagna è tesa a far riemergere somme nascoste in altri paradisi fiscali, approfittando dell’unicità del sistema impositivo del Principato.

(Fonte Tasr)

L’Islanda dice no all’accordo per il proprio default

Non sappiamo se sarà stata una scelta opportuna, ma certamente ha avuto, sembra, i caratteri di un plebiscito. Oltre il 90 percento degli Islandesi, chiamati ad esprimersi sulla possibilità di ripianare il debito derivante dal default e dall’esposizione maturata nei confronti del Regno Unito e dell’Olanda hanno detto “no”. No all’ipotesi di un accordo che avrebbe, tra l’altro, reso più probabile l’inizio del percorso di avvicinamento all’ Ue e migliore il giudizio che il resto del mondo ha dell’isola nordica, indipendente dalla Danimarca dal 1944. Il referendum nazionale di Sabato scorso non ha ancora visto comunicare i dati ufficiali ma non ci sono dubbi sull’esito finale.

(La Redazione)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.