Il Premier Fico propone al collega Li Keqiang di aprire banche cinesi in Slovacchia

A un vertice di leader politici dell’Europa centrale e orientale (CEE) Robert Fico ha rilevato come la Cina rappresenti enormi opportunità commerciali e non può in alcun modo essere trascurataIl vertice, che si è tenuto a Bucarest martedì, era proprio incentrato sul gigante asiatico, ed era presente il  Primo ministro cinese Li Keqiang.

La Slovacchia, oltre che con il suo Premier, si è presentata con una delegazione d’affari con circa 30 aziende. Pechino, ha detto Fico ai giornalisti, ha interesse soprattutto per l’importazione di prodotti e tecnologie alimentari.

Nel summit si è stabilito di fissare un appuntamento annuale tra la CEE e la Cina, con l’obiettivo di fissare le regole per una cooperazione duratura. I paesi dell’area centro-europea sono in genere così piccoli che da soli non avrebbero le stesse occasioni di fare business con Pechino, e il presentarsi insieme dà loro maggiori possibilità. A questo proposito, lo stesso governo cinese ha istituito un segretariato per la cooperazione con la CEE coordinato dal Ministero degli Affari esteri.

La Cina ha stanziato lo scorso anno per la sua cooperazione in regione prestiti per 10 miliardi di dollari (7,3 miliardi di euro), somma alla quale tutti paesi dell’area possono accedere, ma che devono essere garantiti dai rispettivi governi, una clausola che gli europei stanno cercando di ammorbidire. Altre opportunità verranno da un fondo di investimento che sarà stabilito in Lussemburgo del valore di 500 milioni di dollari.

Il Primo ministro Fico ha anche suggerito al suo omologo Li Keqiang, per rendere più attraente la Slovacchia agli investimenti cinesi, di aprire nel suo Paese filiali di banche cinesi, una proposta che sembra essere stata gradita al collega di Pechino. Fico ha proposto in via ufficiale anche l’idea di aprire in Slovacchia un ufficio permanente per il sostegno cinese al commercio estero, cosa che i cinesi hanno intenzione di fare in Europa ma ancora non hanno deciso dove. Potrebbe essere in Slovacchia ma anche in un altro paese.

Al summit nessun europeo ha pensato bene di alzare la questione diritti umani. A una domanda di Tasr, Fico ha detto che ogni funzionario di qualunque governo mondiale è accolto con il tappeto rosso a Pechino, e cerca soltanto di fare affari. È meglio non indossare occhiali ideologici, ha detto: chi guarda il modo attraverso il prisma delle ideologie è destinato a perdere.

(La Redazione, Tasr)

Foto epsos/flickr

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.