Fondi UE, Sme: Fico ha ottenuto di spostare di un anno la scadenza dei fondi residui

Il Primo Ministro Robert Fico (Smer-SD), scriveva il quotidiano Sme pochi gionri fa, sarebbe rientrato dall’ultimo vertice UE del mese scorso con un risultato importante: è riuscito a rinegoziare norme meno severe per la Slovacchia sull’utilizzo dei rimanenti eurofondi a disposizione nel 2013. Ma non lo ha detto a nessuno, scrive Sme, lasciando l’opinione pubblica ignara per settimane, mentre veniva passata in Parlamento la modifica alla legge sugli appalti pubblici, contestata fortemente dall’opposizione. La nuova versione della legge, approvata con procedimento d’urgenza, ha semplificato la procedura delle gare d’appalto, velocizzandola, segnalando il rischio in caso contrario di non riuscire ad usare – e quindi perdere – una somma di fondi tra 300 e 600 milioni di euro.

Ma al momento della discussione in Parlamento, Fico già doveva sapere che la Slovacchia non avrebbe rischiato di dire addio a quelle risorse disponibili nel 2013, perché al vertice di Bruxelles, dedicato al bilancio UE del periodo 2014-2020, sia la Slovacchia che la Romania sono riuscite a ottenere una scappatoia per consentire ai due paesi di impiegare tutti i mezzi finanziari assegnati loro nonostante i ritardi. Dunque la Slovacchia avrebbe ottenuto di spostare alla fine del 2014 la scadenza finale per l’utilizzo dei fondi del periodo 2007-2013.

Fico non ha menzionato questo dopo il vertice, sostenendo che si deve ancora discutere dei dettagli con i funzionari UE, scrive Sme, e la sua portavoce dà per incerta la procedura – se si renderanno più flessibili i trasferimenti tra Programmi operativi o se si comprenderà un rinvio delle scadenze.

(Fonte Sme)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.