In fiamme il Castello di Krasna Horka, famoso monumento nazionale slovacco

Si è svolto sabato, mentre l’attenzione di tutti era alle elezioni parlamentari anticipate, un disastro ad una delle peculiarità culturali nazionali slovacche. È andato in fiamme, infatti, il castello di Krasna Horka, non lontano da Roznava, nel sud-est della Slovacchia, ai bordi del Parco Nazionale Slovensky Kras e pochi chilometri dal confine con l’Ungheria.

Secondo i primi risultati delle indagini, due ragazzini di 11 e 12 anni avrebbero causato l’incendio che ha portato alla distruzione del tetto e degli allestimenti museali del castello medievale, uno tra i manieri meglio conservati nel Paese. Secondo gli inquirenti, gli adolescenti avrebbero cercato di accendere una sigaretta, ma accidentalmente hanno dato fuoco a sterpaglie ed erba secca sulla collina ai piedi del monumento. Il vento avrebbe presto fatto allargare il fronte del fuoco trasportando braci fino al tetto in legno del castello che si è subito infiammato. La polizia avrebbe già avviato un procedimento penale nei confronti dei ragazzi, ma il sito è ancora controllato dagli esperti.

Sono intervenuti sul sito in totale 84 vigili del fuoco (da Roznava e Kosice) e 47 poliziotti con cani addestrati. Un pompiere avrebbe anche subito lesioni non gravi. Nel pomeriggio si era aggiunto un elicottero della Difesa. Il Ministro degli Interni Daniel Lipsic, che ha visitato la struttura nel tardo pomeriggio di sabato, ha confermato che l’intera struttura del tetto in legno, risalente al 14° secolo, è andata distrutta. Gli oggetti esposti nel castello, tuttavia, avrebbero subito solo danni minimi.

Secondo testimoni del vicino villaggio di Krasnohorske Podhradie, l’incendio è scoppiato intorno 13:30, e in dieci minuti le fiamme hanno inghiottito l’intero tetto del castello. Il Ministero della Cultura ha ammesso che il danno è notevole, con tutti i tetti e gli interni del castello gotico distrutti, ma l’entità complessiva del danno non è ancora noto. «Fortunatamente, sono intatte la maggior parte delle collezioni e dei depositi. Credo, tuttavia, che sia possibile ricostruire un tetto nuovo e aprire il castello al pubblico di nuovo per l’estate», ha commentato il Ministro della Cultura Daniel Krajcer tramite il social network Facebook.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Domenica sera si è anche sviluppato un altro piccolo incendio quando le travi ancora fumanti sono state attizzate dai forti venti. Fortunatamente, i vigili del fuoco di Roznava e Kosice, uniti ai volontari di Stitnik e al personale dell’esercito, hanno presto spento il nuovo focolare.

«Da quello che avevo sentito, l’ho subito percepita come una grande tragedia. Ho immediatamente incaricato le Forze armate di cooperare con le forze civili per spegnere l’incendio», ha detto la Premier Iveta Radicova, che agisce anche come Ministro della Difesa.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Il leader del Partito della Coalizione ungherese (SMK), Jozsef Berenyi, ha detto di aver contattato il vice Primo Ministro ungherese, Zsolt Semjen, per chiedergli un aiuto finanziario per la riparazione e ricostruzione del castello, che apparteneva alla nobile famiglia ungherese Andrassy. La portavoce di SMK, Helena Fialova, ha detto che il Primo Ministro Semjen avrebbe accettato la richiesta e informato i rappresentanti del Governo slovacco che il suo Paese era disposto ad aiutare.

Il castello, che risale al 14° secolo, è stato successivamente rifatto come fortezza e in seguito divenne una residenza nobiliare. È classificato come monumento culturale nazionale slovacco. Abitato fino al 1812, fu più tardi ricostruito negli interni dal suo ultimo proprietario D. Andrassy per adattarlo a museo, che fu aperto al pubblico nel 1906. Il castello fu ricostruito ancora dopo la guerra, nel 1946.

(La Redazione)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.