PAS: necessarie leggi più dure per arginare le pratiche commerciali sleali che ultimamente dilagano

Gli imprenditori in Slovacchia sono soffocati da pratiche commerciali sleali, recita un comunicato dell’Alleanza imprenditoriale slovacca (PAS). Fatture non pagate, appropriazione indebita, gare pubbliche truccate hanno peggiorato l’ambiente imprenditoriale negli ultimi due anni, spiega la nota. «Un nostro sondaggio mostra che quasi uno su due imprenditori è stato ingannato negli ultimi due anni, il che è davvero allarmante», ha detto il direttore dell’Alleanza, Robert Kicina. Il risultato dell’ultimo sondaggio di PAS conferma la crescita delle truffe dal 2010. «È stata innescata dalla crisi economica, che ha fermato lo sviluppo del business. I mancati pagamenti delle fatture si sono diffusi a macchia d’olio», spiega il presidente di PAS Martin Krekac. L’inattività dello Stato e le vaghe interpretazioni delle leggi non aiutano poi il settore imprenditoriale.

Secondo l’Alleanza, che ha preparato un „Codice etico contro il commercio sleale“, ritiene che misure come la facile disponibilità di informazioni affidabili sui debitori e gli imprenditori che violano la legge, la minaccia del divieto temporaneo della attività, una parziale responsabilità personale per gli obblighi aziendali, limitazioni nel tempo dei processi e rimozioni di ostacoli burocratici, oltre che un aumento della professionalità di pubblici ministeri e giudici siano già un buon passo in avanti per combattere le così frequenti pratiche commerciali scorrette. Il Codice emesso da PAS contiene 36 raccomandazioni specifiche per combattere queste pratiche illegali.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.