Indagine: un terzo dei genitori slovacchi non dà denaro ai figli

Il trentadue per cento degli slovacchi non dà o non darebbe la paghetta ai figli. Questo risulterebbe da un sondaggio che la società Home Credit Slovakia ha condotto a luglio in tre paesi, Slovacchia, Repubblica Ceca e Russia. A titolo di confronto, la quota è al 29 per cento nella Repubblica Ceca mentre in Russia solo cinque bambini su 100 sono lasciati senza paghetta dai genitori.

Secondo la società i risultati del sondaggio sono sconcertanti in quanto, spiega, la mancanza di soldi in tasca ai bambini risulta poi in un basso livello di percezione degli stessi nei confronti del valore del denaro. Ed è un ostacolo alla loro capacità di agire in futuro in maniera responsabile con i soldi. «I bambini usano comunemente computer e telefoni cellulari fin dalla prima infanzia e spesso sono in grado di navigare meglio in internet rispetto ai loro genitori. Ma non hanno una così comune abitudine a trattare il denaro», ha detto l’analista Michal Kozub di Home Credit Slovakia. In tutti e tre i paesi presi in esame, gran parte degli intervistati sono d’accordo che l’inizio ideale per fare gestire ai bambini il proprio denaro è quando hanno 10 anni. Circa il 17% degli slovacchi sono d’accordo nel dare denaro ai propri figli dal momento in cui iniziano a frequentare la scuola, cioè dai sei o sette anni.

(Fonte Tasr)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.