Ancora miliardi di persone non hanno acqua potabile e servizi igienici

Dieci anni dopo il riconoscimento da parte dell’Assemblea generale dell’Onu dell’acqua potabile e dei servizi igienico-sanitari come diritti umani, miliardi di persone mancano ancora di acqua potabile e servizi igienico-sanitari.

A denunciarlo è stato Léo Heller, il relatore Speciale Onu sui diritti umani all’acqua e servizi igienico-sanitari, che ha aggiunto: «La pandemia di coronavirus ci ha insegnato che lasciare alle spalle coloro che hanno più bisogno di acqua e servizi igienico-sanitari può portare a una tragedia umanitaria. Se vogliamo costruire società giuste e umane, Nei prossimi dieci anni, i diritti umani all’acqua e ai servizi igienico-sanitari devono diventare una priorità».

Il richiamo del relatore speciale è arrivato in occasione del decimo anniversario dell’adozione, il 28 luglio 2010, della risoluzione 64/292 dell’Assemblea generale dell’Onu sull’acqua e i servizi igienico-sanitari come diritti umani. Da allora, 193 stati si sono impegnati a garantire l’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari per tutti. Hanno riaffermato esplicitamente i loro impegni per i diritti umani in materia di acqua e servizi igienico-sanitari attraverso l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, i cui 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) rappresentano un appello universale per porre fine alla povertà, proteggere il pianeta e migliorare la vita e le prospettive per il futuro di tutte le persone.

Secondo Heller, «Dieci anni dopo l’adozione della dichiarazione sull’acqua e i servizi igienici e 10 anni prima della scadenza per la piena realizzazione di questi diritti, il bicchiere è mezzo vuoto ed è anche mezzo pieno. I progressi compiuti dal 2010 possono mostrare una lenta attuazione dei diritti umani in materia di acqua e servizi igienico-sanitari, ma la risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, come punto di partenza, ha effettivamente innescato iniziative e ha ispirato diversi progressi creativi».

Ma l’esperto Onu ha aggiunto: «Anche se negli ultimi 10 anni sono stati compiuti progressi significativi, i paesi non sono sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi di acqua, igiene e igiene per il 2030. Una persona su tre non ha ancora accesso ad acqua potabile sicura e più della metà della popolazione mondiale non ha accesso a servizi igienici sicuri. Circa 3 miliardi di persone non dispongono di strutture per lavarsi le mani con acqua e sapone e oltre 673 milioni di persone praticano ancora la defecazione all’aria aperta. Questa inaccettabile situazione causa 432.000 morti ogni anno a causa della diarrea. Gli impegni dell’Agenda 2030 sono una forza trainante per non lasciare nessuno indietro, ma non sarà sufficiente se i Paesi si avvicinano agli obiettivi e target un esercizio puramente quantitativo, mettendo da parte i diritti umani all’’acqua e ai servizi igienico-sanitari».

Per celebrare 10 anni di diritti umani in materia di acqua e servizi igienico-sanitari, Heller ha organizzato una campagna  della durata di un anno per «costruire ponti tra gli aspetti concettuali e teorici dei diritti umani in materia di acqua e servizi igienico-sanitari  e loro applicazione pratica sul campo».

(Fonte Greenreport.it)

Foto SZappi CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.